Vacanza con cani e gatti: come partire con loro. O dove lasciarli al sicuro

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 giugno 2018 15:12 | Ultimo aggiornamento: 12 giugno 2018 15:12
Vacanza con cani e gatti: come partire con loro. O dove lasciarli al sicuro

Vacanza con cani e gatti: come partire con loro. O dove lasciarli al sicuro

L’estate si avvicina. E con lei la domanda di chiunque abbia un animale domestico è: come farò ad andare in vacanza? In verità le soluzioni possibili sono molte: ormai sono sempre di più coloro che hanno un cane o un gatto,  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] e anche l’offerta è cresciuta.

Cominciamo dicendo che oggi non sono pochi gli alberghi e le strutture che accettano gli animali domestici, soprattutto se di piccola taglia. La cosa fondamentale, ovviamente, è informarsi bene prima di prenotare. VacanzeAnimali e ZampaVacanza sono due siti che offrono un elenco di strutture aperte agli animali domestici.

Nel caso decidiamo di portare il nostro compagno peloso con noi dobbiamo anche informarci su come portarlo. Se viaggiamo in auto non ci sono problemi particolari, a parte ricordare di portare con noi il libretto sanitario con tutte le vaccinazioni dell’animale e, se andiamo all’estero, il passaporto. In questo caso, inoltre, è importante che il nostro amico peloso sia munito di microchip e sia stato sottoposto alla vaccinazione antirabbica.

Le stesse considerazioni vanno fatte se decidiamo di viaggiare con altri mezzi, ma nel caso del treno, dell’aereo e della nave dobbiamo informarci sul costo del biglietto, sulla necessità o meno di trasportino e museruola e sulla possibilità, nel caso dell’aereo, di tenere in cabina il nostro amico, senza doverlo lasciare in stiva.

Con Trenitalia, per esempio, i cani di taglia grande pagano il 50 per cento del biglietto standard, ma per il mese di agosto 2018 esiste un biglietto fisso nazionale al costo di 5 euro per portare cani di qualsiasi taglia al di fuori del trasportino. Obbligatori, comunque, museruola e guinzaglio.

Se invece decidete di lasciare a casa il vostro compagno peloso potete rivolgervi ad una pensione o ad un pet sitter. Se non ne conoscete potete chiedere consiglio al veterinario, che potrebbe sapervi indirizzare. Per quanto riguarda i gatti anche un amico o familiare che venga in casa a dare da mangiare al micio, a pulirgli la lettiera e a controllare che tutto sia a posto può essere una buona soluzione: si eviterà al gatto il piccolo trauma di uno spostamento.