Venezia, migliaia di cefali nuotano nei canali: mancano i turisti e l’acqua è più pulita VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Dicembre 2020 9:57 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2020 9:57

A Venezia l’acqua dei canali è più pulita per la mancanza dei turisti. Per questa ragione ed anche per cause ambientali legate al mese di dicembre, nei canali c’è una fauna ittica brulicante.

I veneziani sono rimasti sorpresi nel vedere decine di cefali che nuotano nell’acqua.

A pubblicare il filmato nella giornata di martedì 29 dicembre è stato l’amministratore del gruppo Facebook “Venezia Pulita” Marco Capovilla.

Venezia, i cefalotti in rio dei Ferali

Il banco numerosissimo formato da migliaia di cefalotti è visibile nell’acqua limpida di rio dei Ferali.

In realtà non è un fenomeno nuovo a Venezia  nel mese di dicembre.  A spiegarlo sono molti commentatori sui social. Sicuramente però, un fenomeno di questa portata non si era mai visto. 

Venezia, la medusa avvistata durante il lockdown

A causa del lockdown dovuto al coronavirus, nel mese di marzo ed aprile, diversi animali e natura in genere hanno riacquistato diversi spazi.

E’ quindi capitato di vedere una medusa che nuovava a pelo dell’acqua tra i canali di Venezia, non troppo lontano da piazza San Marco. 

La medusa era una rhizostoma, la medusa più grande che vive nel mar Mediterraneo, ed era stata filmata dallo zoologo Andrea Mangoni.

La sua testimonianza era stata trasmessa anche dal Tgr Veneto.

Durante il lockdown dovuto al coronavirus, la Laguna di Venezia aveva visto di molto ridursi il traffico marittimo e l’inquinamento. Le meduse riescono in molti casi a nuotare contro corrente ed hanno un ruolo ecologico molto importante dato che fungono da “filtro” per l’acqua di mare.

La loro presenza indica che l’acqua in quel punto non è così inquinata (fonte: Corriere della Sera, YouTube).