Asparagi, melone, castagne e polenta: la dieta padana dell’assessore leghista

Pubblicato il 12 agosto 2012 16:35 | Ultimo aggiornamento: 12 agosto 2012 16:35
Luciano Bresciani

Luciano Bresciani (Foto Lapresse)

MILANO – Amarene, melone, mele, pere, asparagi, cipolla, zucca, songino e tartufo, e poi michelle, castagne, patate, pizzoccheri, tortelli, riso, crescenza, grana, capretto, fagioli borlotti, miele, castagnaccio, cotechino, gorgonzola, taleggio e mostarda: la dieta padana è questa. L’elenco completo lo fa l’assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Luciano Bresciani, della Lega Nord.

Sul suo sito Bresciani enumera gli alimenti che fanno bene e rispettano la tradizione padana. Si va dai cibi che andrebbero consumati in quantità di di cinque o sei porzioni al giorno, perché regolarizzano (frutta e ortaggi di stagione), ai casrboidrati rappresentati da pane, pasta, riso, polenta, patate e castagne, quattro o cinque porzioni al dì per dare energia.

I condimenti concessi per dare gusto sono non solo il mediterraneo olio di olia, ma anche il più “padano” burro.

Poi due o tre porzioni al giorno di latte e derivati, tra cui enumera ricotta, grana, caprino e crescenza. Come proteine bene i pesci di lago, il capretto, l’agnello, il pollo, i fagioli e i piselli, la bresaola e il prosciutto cotto.

Ci si può anche concedere un dolce al giorno, ma anche quello all’insegna della tradizione padana: quindi miele, castagnaccio, torta del paradiso o meascia (torta casalinga del lecchese a base di frutta e pane raffermo).

Ogni tanto, poi, sulle tavole del buon lombardo può anche comparire un cotechino o un po’ di pancetta, del torrone o del mascarpone, mostarda o gorgonzola, taleggio o salsiccia.

Banditi invece tutti i cibi esotici come alghe, soia, frutta tropicale,

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other