Bye bye posate, impazza il finger food: mangiare con le mani va di moda

Pubblicato il 31 ottobre 2011 14:59 | Ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2011 14:59

ROMA – La nuova moda è il finger food, ovvero mangiare con le mani. Che il cibo fosse un’esperienza plurisensoriale lo si sapeva, ma che tra le qualità che ne aggettivano la bontà ci fosse anche quella tattile, è un fatto nuovo e alla moda. Oggi sono tutti pazzi per il finger food. E’ di moda, pratico ed è la nuova proposta di molti chef pluristellati. Ci volevano i grandi della cucina per sdoganare l’uso delle mani a tavola, ma ora il rito culinario desacralizzato è divenuto un vero e proprio trend.

Il movimento è nato in Spagna dal virtuosismo creativo di Ferràn Adrià che nei suoi menu degustazione serviva più della metà dei piatti sprovvisti di posate. Costringere il consumatore a un rapporto più fisico e sensuale con il cibo: questa la contagiosissima filosofia,  importata anche in Italia. A Calandre a Rubano a pochi km da Padova, lo chef Massimiliano Alajmo propone i suoi cannoli di ricotta da intingere in salsa di pomodoro. Sempre con le mani sono da mangiare i funghi fritti di Enrico Crippa, celebratissimo chef del Piazza Duomo ad Alba. Lo stesso dicasi per le coscette di rana al burro del Pescatore a Canneto sull’Oglio. Tutti afferrabili tra pollice e medio.

Il segreto è considerare le mani come un ingrediente. Questa l’eversiva proposta secondo Moreno Cedroni, della Madonnina dei Pescatori a Senigallia, che addirittura forza il concetto suggerendo di spruzzare sulle dita il succo di lime per godersi uno dei suoi piatti a base di pesce.

Non resta che leccarsi le dita oltre che i baffi. Unico inconveniente: riuscire a mangiare senza sporcarsi le mani.