Festivaletteratura: con Eni a Mantova Gadda, Levi, Sciascia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Settembre 2015 12:56 | Ultimo aggiornamento: 15 Settembre 2015 12:56
Festivaletteratura: con Eni a Mantova Gadda, Levi, Sciascia

Festivaletteratura: con Eni a Mantova Gadda, Levi, Sciascia

MANTOVA – Il Festival della Letteratura ha trasformato Mantova nella capitale della cultura per alcuni giorni. Dal 9 al 13 settembre grandi scrittori e giornalisti si sono alternati nella città lombarda e Eni è stato ancora una volta partner dell’evento internazionale.

Sono stati cinque giorni caratterizzati da incontri con autori, reading, spettacoli, concerti con artisti provenienti da tutto il mondo. Dal 2008 Eni organizza all’interno della kermesse l’evento “inedita energia” – dedicato alla ripubblicazione dei testi apparsi negli anni Cinquanta e Sessanta sulla rivista aziendale “Il Gatto Selvatico” –  con la partecipazione di ospiti prestigiosi chiamati, ogni anno, a ragionare e dibattere sul tema del volume pubblicato.

L’idea è stata quella di condividere con il pubblico di Mantova non solo una pubblicazione, realizzata da Eni e distribuita in forma gratuita ai partecipanti, ma anche un’occasione di dibattito aperto sui temi della cultura e della società.

Quest’anno il Festival ha valorizzato la partnership di Eni con Fondazione Camera. Sostenuto da un comitato consultivo internazionale, rappresentativo delle più importanti realtà museali e di ricerca fotografica, Fondazione Camera costituirà a Torino il primo Centro Italiano della fotografia.

La partnership si inserisce in questo senso come attività strategica per Eni che ha individuato proprio nella fotografia uno dei codici espressivi più efficaci per raccontarsi all’esterno e all’interno con concretezza e trasparenza.

Sul palco autorità come il giornalista Mario Calabresi e Lorenza Bravetta, direttrice di Camera accanto al fotografo Mimmo Jodice. Come moderatore Neri Marcorè.

Sono stati inoltre pubblicati alcuni scatti d’autore provenienti dagli archivi Eni, accompagnati da inserti narrativi inediti dei grandi scrittori italiani del Novecento (Sciascia, Comisso, Gadda, Levi) che lavorarono per l’azienda negli anni Sessanta.

Per leggere gli estratti e vedere alcune delle foto clicca qui.