Laura Grimaldi è morta a 84 anni: diresse la narrativa di Mondadori

Pubblicato il 3 Luglio 2012 13:38 | Ultimo aggiornamento: 3 Luglio 2012 13:58

MILANO – La scrittrice Laura Grimaldi a Milano. Aveva 84 anni ed era malata da tempo.

Nata a Firenze. si trasferisce a Milano nel 1957 per frequentare la Facolta’ di Lingue dell’Universita’ Bocconi. Dopo essere diventata consulente della casa editrice Arnoldo Mondadori per la letteratura anglosassone, nel 1962 le viene affidata da Mondadori la direzione di varie collezioni di narrativa, fra le quali Segretissimo, I Neri, I Rapidi, Cerchiorosso e alla fine il Giallo Mondadori e Urania, che introducono e rendono famosi in Italia i maggiori autori europei e americani di genere.

Negli Anni ’70 e ’80 scrive articoli come critico letterario per giornali e riviste (Millelibri, Linea d’Ombra, Il Messaggero). Nel frattempo pubblica romanzi, scrive saggi sulla letteratura popolare, cura numerose antologie, traduce piu’ di 200 libri fra romanzi e saggi (fra gli autori tradotti, Ernest Hemingway, E.L. Doctorow, Scott Turow, Donald Westlake, Jerome Charyn) e scrive testi per la televisione e sceneggiature per il cinema.

Nel 1989 lascia Mondadori e fonda con Marco Tropea la casa editrice Interno Giallo, che dopo quattro anni viene acquistata dalla Mondadori stessa. Dal 1997 e’ consulente del gruppo editoriale Il Saggiatore e continua a scrivere e a tradurre. I suoi libri piu’ famosi sono: Il sospetto,La colpa, Il cappio al collo, Monsieur Bovary, La paura, Milano, Perfide storie di famiglia, Profumo di casa. .