Premio Strega 2015: ecco la cinquina. I voti degli inclusi e dei 7 esclusi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Giugno 2015 20:32 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2015 20:32
Premio Strega 2015: ecco la cinquina. I voti degli inclusi e dei 7 esclusi

Premio Strega 2015: ecco la cinquina. I voti degli inclusi e dei 7 esclusi

ROMA – Premio Strega 2015, ecco la cinquina degli autori candidati al premio letterario più famoso d’Italia: Nicola Lagioia (“La ferocia”, Einaudi, 2015, 182 voti); Mauro Covacich (“La sposa”, Bompiani, 157 voti); Elena Ferrante (“Storia della bambina perduta”, e/o, 140 voti); Fabio Genovesi (“Chi manda le onde”, Mondadori, 123 voti); Marco Santagata (“Come donna innamorata, Guanda, 119 voti). Spiegano gli organizzatori del Premio, che verrà assegnato giovedì 2 luglio – dopo una seconda votazione – al Ninfeo di Villa Giulia a Roma:

“Quest’anno per la prima volta i giurati sono stati chiamati a esprimere 3 preferenze. Al termine dello spoglio dei voti arrivati nella giornata di oggi (403 su 460 votanti, pari all’87,6%; 2 schede bianche), il presidente di seggio Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega 2014, ha descritto l’andamento dei voti pervenuti per via telematica nelle settimane precedenti. La somma dei voti elettronici e delle schede cartacee ha delineato la cinquina degli autori e dei libri finalisti del Premio Strega 2015.

  • La ferocia (Einaudi) di Nicola Lagioia con voti 182
  • La sposa (Bompiani) di Mauro Covacich con voti 157
  • Storia della bambina perduta (e/o) di Elena Ferrante con voti 140
  • Chi manda le onde (Mondadori) di Fabio Genovesi con voti 123
  • Come donna innamorata (Guanda) di Marco Santagata con voti 119
  • I voti degli altri candidati esclusi dalla seconda votazione del 2 luglio:
  • Via Ripetta 155 (Giunti) di Clara Sereni con voti 104
  • Il genio dell’abbandono (Neri Pozza) di Wanda Marasco con voti 93
  • Dimentica il mio nome (Bao Publishing) di Zerocalcare con voti 70
  • Se mi cerchi non ci sono (Manni) di Marina Mizzau con voti 66
  • Il paese dei coppoloni (Feltrinelli) di Vinicio Capossela con voti 59
  • XXI Secolo (Neo) di Paolo Zardi con voti 50
  • Final Cut (Fandango) di Vins Gallico con voti 43

Questo risultato comprende i voti dei 385 Amici della Domenica, il corpo votante storico del premio, ai quali si aggiungono 60 lettori forti selezionati ogni anno da librerie indipendenti italiane associate all’ALI e 15 voti collettivi espressi da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’estero, per un totale di 460 aventi diritto. Le preferenze dei voti collettivi sono state così espresse:

– le 44 scuole italiane e straniere del Premio Strega Giovani hanno espresso la loro preferenza per Fabio Genovesi, Elena Ferrante e Zerocalcare;
– i comitati italiani e stranieri della Società Dante Alighieri (Benevento, Reggio Emilia, Roma, Praga e Tirana) hanno votato per Vinicio Capossela, Mauro Covacich ed Elena Ferrante;
– la Karl Franzens-Universität di Graz ha votato per Vinicio Capossela, Elena Ferrante e Zerocalcare;
– gli Istituti Italiani di Cultura hanno votato: Elena Ferrante, Vins Gallico, Fabio Genovesi (Amburgo); Fabio Genovesi, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Atene); Elena Ferrante, Nicola Lagioia, Paolo Zardi (Edimburgo), Mauro Covacich, Vins Gallico, Fabio Genovesi (Helsinki); Nicola Lagioia, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Los Angeles); Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Wanda Marasco (Montréal); Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Nicola Lagioia (San Paolo), Mauro Covacich, Marco Santagata, Zerocalcare (Tokyo); Vins Gallico, Marco Santagata, Paolo Zardi (Stoccolma); Nicola Lagioia, Marina Mizzau, Paolo Zardi (Strasburgo); Mauro Covacich, Elena Ferrante, Paolo Zardi (Vilnius); Mauro Covacich, Elena Ferrante, Paolo Zardi (Zagabria);
– La Casa Circondariale di Porto Azzurro ha votato per: Elena Ferrante, Fabio Genovesi, Marina Mizzau