Premio Strega, Nicola Lagioia stravince con “Ferocia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 luglio 2015 0:36 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2015 1:15
Premio Strega, Nicola Lagioia stravince con "Ferocia"

Nicola Lagioia

ROMA – Lo scrittore pugliese Nicola Lagioia stravince il Premio Strega 2015 con 145 voti per ‘La ferocia’, pubblicato da Einaudi.

Al secondo posto Mauro Covacich con ‘La sposa’ (Bompiani), con 89 voti, e al terzo la scrittrice misteriosa Elena Ferrante con ‘Storia della bambina perduta’ (E/o), 59 voti, in un primo tempo data per vincitrice.

Al quarto e quinto posto pari merito con 37 voti Fabio Genovesi, vincitore della seconda edizione del Premio Strega giovani con ‘Chi manda le onde’ (Mondadori), e Marco Santagata con ‘Come donna innamorata’ (Guanda).

Su 460 aventi diritto al voto si sono espressi in 368 (l’80,21%), dei quali 276 con voto elettronico e 92 con voto cartaceo; una scheda nulla. A presiedere il seggio Francesco Piccolo, vincitore della scorsa edizione del Premio Strega.

LA DEDICA –  “Dedico a Chiara, mia moglie, la vittoria e questo libro. Senza di lei ‘La ferocia’ non sarebbe stato possibile”: così il vincitore del Premio Strega 2015, Nicola Lagioia, tenendo in mano la bottiglia del liquore Strega che ha fatto bere anche alla moglie. “Questo romanzo è stato una scommessa: ho sempre lavorato con l’alito del fallimento sul collo, ma ho voluto scrivere un libro pieno di sfumature letterarie e meno paraculo che potevo. L’importante è fidarsi della letteratura: fai quel che devi, succeda quel che può, come ha detto Goffredo Fofi”.

Lo scrittore ha fatto anche riferimento alla situazione greca spiegando che: “La ferocia, come il titolo del libro, è quello che sta accadendo ora in Grecia. Stiamo sulla stessa barca, se fallisce la Grecia fallisce anche la Germania”.