Scriba, il primo festival della scrittura. A Bologna dal 7 al 9 novembre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 novembre 2014 15:41 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2014 15:41
Scriba, il primo festival della scrittura. A Bologna dal 7 al 9 novembre

Scriba, il primo festival della scrittura. A Bologna dal 7 al 9 novembre

BOLOGNA – Scriba, dal 7 al 9 novembre a Bologna, è il primo festival della scrittura. Dove incontrare e confrontarsi con chi pratica la scrittura come mestiere, nelle sue varie forme, anche quelle meno note.

Il progetto “Scriba” è infatti un’iniziativa unica nel suo genere in Italia: ideato e organizzato da Bottega Finzioni (la bottega di narrazione fondata a Bologna da Carlo Lucarelli), vuole dare voce a tutte le professioni della scrittura, spesso ignorate da altre manifestazioni ed eventi culturali. La città di Bologna, dal 7 al 9 novembre, diventerà il laboratorio per una nuova riflessione sul tema delle scritture di mestiere, e luogo dove poter incontrare chi pratica la scrittura a livello professionale nei diversi settori. Un’occasione per lanciare ancora una volta un ponte tra chi esercita un lavoro legato alla scrittura e chi vorrebbe arrivare a fare lo stesso ma non saprebbe nemmeno a chi rivolgersi.

“Chi pratica la scrittura” precisa Carlo Lucarelli “sa benissimo che qualsiasi tipo di narrazione è, prima di tutto, un racconto: da una forma più intima, come può essere una lettera o un diario, ai bugiardini delle medicine, ai verbali della polizia per finire alla satira. Sono tutte forme di scrittura che hanno un motivo, e soprattutto, un modo per essere fatte. Questo è ‘Scriba’: un momento per mettersi a ragionare su tutto quello che ruota attorno a un racconto, partendo dalla cosa scritta per arrivare al motivo per la quale, appunto, è stata scritta. È un festival unico in Italia”.

Esperti e pubblico saranno chiamati anche quest’anno a confrontarsi su come si scrive il testo di una canzone o un testo teatrale, il soggetto di un film o un brano satirico, ma anche su come nascono alcuni formati che fanno parte della vita di tutti i giorni, come la ricetta di un piatto o le previsioni del meteo. Incontri che saranno arricchiti da alcuni momenti legati a contest lanciati in settori specifici, con dei professionisti chiamati a discutere con i selezionati dei vari concorsi su limiti e punti di forza di quanto hanno proposto.

Il focus principale, oltre agli ambiti legati ai tanti linguaggi specialistici, quest’anno sarà il ‘punto interrogativo’. Il formato del quesito, soprattutto sotto forma di intervista, riempie la nostra giornata: le interviste sui media, le interrogazioni a scuola, i test dei colloqui di lavoro, le indagini e le ricerche di mercato, i quiz dei programmi a premi e quelli dell’enigmistica, gli interrogatori di polizia tra cronaca vera e serie tv.

Protagonisti di Scriba sono dunque i professionisti che hanno fatto della scrittura il loro mestiere, e lo racconteranno al pubblico cercando di svelare i misteri di una lingua specialistica, le cui regole sfuggono ai più.

Interverranno anche scrittori che si sono resi disponibili a fare “da ponte” con il pubblico: oltre a Carlo Lucarelli, saranno presenti Marcello Fois, che si occuperà del linguaggio specialistico degli annunci immobiliari e Paolo Nori che si confronterà con un vero assicuratore sugli intricati testi delle polizze (“l’assicuratese”). Tra gli ospiti: il criminologo e vice questore di polizia Silio Bozzi per gli interrogatori, Enrico Castellani di Babilonia Teatri per la scrittura teatrale, Lia Celi per la satira, Alex Corlazzoli per le guide letterarie, lo sceneggiatore Giovanni Galavotti (L’uomo che verrà) per il cinema, Lorenzo Kruger, leader del gruppo musicale dei Nobraino (Premio Tenco 2011) per i testi delle canzoni, Alessandro Martemucci dell’Associazione italiana Marketing per le indagini di settore, David Riondino per la scrittura radiofonica, Sergio Ramazzotti per i viaggi, il meteorologo Paolo Sottocorona per le previsioni del tempo, Luca Telese per le interviste televisive, Vittorio Zincone per le interviste “di carta”. Ermanno Cavazzoni invece presenterà il giornale “l’Altro Mondo” – ideato e scritto con gli allievi dell’area Letteratura del 2013 di Bottega – che sarà distribuito durante il festival. Ci saranno incontri dedicati all’area ragazzi: tra i temi anche le traduzioni nella letteratura dell’infanzia con Beatrice Masini, traduttrice di Harry Potter.

Quest’anno si rinforza anche la collaborazione tra Scriba e BilBOlBul, e infatti al festival si parlerà di scrittura per il fumetto con Tuono Pettinato. Ma il sodalizio prosegue anche oltre Scriba: Bottega Finzioni infatti ospiterà un workshop sul Comic tenuto da Alessandro Tota (19-20 novembre).

Fin dall’ideazione, Scriba è sempre stato anche uno spazio dove far emergere nuove idee, grazie all’iniziativa Scrivi a Scriba, il contest riservato agli aspiranti scrittori che abbiano soggetti inediti riguardanti proprio le scritture di mestiere. Scrivi a Scriba intende valorizzarli e dare loro visibilità, permettendo agli esordienti di confrontarsi sia con il pubblico sia con i professionisti ospiti al festival.

Quest’anno la partecipazione al contest, che si è chiuso ieri, è stata davvero eccezionale: più di 200 sono state le iscrizioni. Accanto alle sezioni tradizionali dei concorsi (Musica, Bambini e ragazzi, Teatro, Cinema) le novità sono state: gli Annunci immobiliari, le interviste possibili e l’Origine dei cocktail.

I candidati si sono cimentati nell’annuncio di vendita di un monumento artistico o architettonico del mondo, nell’origine storica di un cocktail inventato e proposto con una storia intrigante, o nella realizzazione di un’intervista “possibile” (parafrasando il leggendario programma di radio Rai negli anni ’70, “Le interviste impossibili”), con non più di 5 domande a una persona sconosciuta, ma presente nella vita di tutti i giorni: il barista o il vicino di casa, per esempio.
Il 5 novembre si sapranno i nomi dei vincitori: gli autori dei tre migliori lavori per ogni categoria saranno invitati al festival per presentarli al pubblico e per confrontarsi con un professionista di ciascuna categoria che decreterà il vincitore. Inoltre potranno partecipare alle lezioni magistrali del nuovo anno di Bottega Finzioni.
E per finire, l’ultima grande sfida, una Vendita dell’Impossibile, dove, accompagnati in questa impresa da Marcello Fois, i tre finalisti del contest degli Annunci immobiliari cercheranno di convincere il pubblico a comprare uno dei grandi monumenti di Bologna.

Gli incontri con i vincitori del concorso hanno sempre rappresentato uno dei momenti più significativi di Scriba, inteso come luogo dove professionisti e pubblico possono interagire e confrontarsi sulle varie forme della scrittura.

L’ingresso agli incontri è gratuito. Informazioni su www.scribafestival.it

Scriba Festival è organizzato da Finzioni Associazione Culturale e Bottega Finzioni.
Da un’idea di Manuela Draghetti, Michele Cogo e Piero Di Domenico. Direzione: Piero Di Domenico. Comitato scientifico: Ermanno Cavazzoni, Michele Cogo, Paolo Fabbri, Marcello Fois, Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi.

Con il contributo di Fondazione del Monte, Fondazione Unipolis, IMA e Coop Adriatica, in collaborazione con Librerie.coop, Corso di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e Produzione multimediale dell’Università di Bologna, Libreria per ragazzi Giannino Stoppani, BilBOlbul, La Linea, Le Stanze, Juls’ Kitchen, L’amore di Diego.