Caso Sallusti, possibile “retroattività illimitata” sul reato di diffamazione

Pubblicato il 27 settembre 2012 19:40 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2012 19:42

Alessandro Sallusti

ROMA – Le “possibili ricadute concrete” sul caso Sallusti di cui parla il Quirinale nel comunicato con cui si afferma che il presidente della Repubblica Napolitano e il ministro della Giustizia Severino hanno convenuto sulla necessità di modificare la norma sulla diffamazione a mezzo stampa, potrebbero dipendere dalla cosiddetta “retroattività illimitata” e cioè il fatto che in caso di abolizione o modifica del reato, la norma si applichi anche retroattivamente.

L’eventuale modifica della normativa penale in materia di diffamazione, sottolineano gli avvocati Andrea Fiore e Fulvio De Crescienzo, legali esperti in materia di diffamazione, potrebbero avere ricadute sulla vicenda del direttore de Il Giornale in particolare in due casi: “Sia nell’ipotesi che siano disposte norme che prevedano l’abolizione del reato di diffamazione, sia nel caso le nuove norme stabiliscano il mutamento della pena da detentiva a pecuniaria”.

In entrambi i casi, sottolineano i due avvocati, “l’articolo due del codice penale, nei commi da 2 a 4, impone, in ossequio al principio del favor rei, che con l’abolizione del reato o con il mutamento della pena da detentiva a pecuniaria, la norma si applichi retroattivamente anche nel caso di sentenza definitiva di condanna, appunto la retroattività illimitata”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other