Concorso giornalisti Rai, Lo Specialista: “Ora si rischia il congelamento”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Dicembre 2019 12:50 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2019 12:53
Concorso Rai, Ansa

La sede Rai (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Che ne sarà del concorso Rai per l’assunzione di novanta giornalisti? “Rischia il congelamento” scrive il sito Lo Specialista (qui il link all’articolo originale).

Tutto per colpa, o per merito a seconda dei punti di vista, di un ricorso presentato da oltre 100 giornalisti risultati idonei al concorso del 2015.

Gianluca Vacchio de Lo Specialista riassume la vicenda in questo modo: 

“La sorte del concorso dipenderà dalla decisione del Tribunale del lavoro di Roma. L’udienza si è svolta questa mattina (mercoledì 4 dicembre, ndr) e il giudice del lavoro, Anna Maria Lionetti, è stata chiamata a pronunciarsi su due diversi ricorsi cautelari presentati dal Comitato per l’Informazione pubblica, fondato da oltre 100 giornalisti risultati idonei alla selezione Rai 2015. Assistiti dall’avvocato Enzo Iacovino, nel primo ricorso rivendicano un diritto di precedenza nell’assunzione rispetto ai 90 posti messi a concorso. Nel secondo evidenziano illegittimità del bando chiedendone l’annullamento previa sospensione cautelare”.

Il sito poi ha evidenziato quelle che definisce due stranezze.

Stranezza numero uno: gli avvocati della Rai non si sono costituiti in giudizio ne procedimento cautelare riguardante l’illegittimità del concorso.

Stranezza numero due: “Gli idonei – spiega Gianluca Vacchio – hanno lamentano, tra l’altro, uno “spreco di risorse pubbliche” denunciando un costo di circa due milioni per il concorso. Cifra apparsa spropositata ma che nessuno della controparte avrebbe smentito!”.

E quindi?

E quindi dipende da cosa deciderà il giudice.

Se esame sarà, se quindi il giudice darà la ragione alla Rai, esame sarà entro gennaio. Almeno così spiega Lo Specialista. Le possibili tappe: a fine gennaio, di mattina, lo scritto. Nello stesso giorno, di pomeriggio, i risultati. Poi le altre prove. Altre prove che andranno avanti fino a marzo. A fine marzo i risultati, le graduatorie e tutto il necessario.

E se invece la dovessero spuntare gli idonei?

“Se invece la dovessero spuntare gli idonei – risponde alla domanda Gianluca Vacchio – la partita si farebbe più complicata per il servizio pubblico. Anche perché il giudice potrebbe disporre l’assunzione degli idonei o l’annullamento del bando di concorso. Certo anche la Rai ha l’arma del ricorso, ma la battaglia processuale avrebbe tempi lunghi”.

Fonte: Lo Specialista.