Media

Co. co. co., tetto abbassato per i contratti a tempo. Fnsi: “Fondamentale per dare garanzie a chi non ha diritti”

contratti-tempo-Fnsi

Co. co. co., tetto abbassato per i contratti a tempo. Fnsi: “Fondamentale per dare garanzie a chi non ha diritti”

ROMA – La Federazione nazionale della stampa italiana, sindacato dei giornalisti italiani, plaude all’emendamento sui contratti di collaborazione continuata e continuativa, il cui tetto di tempo è stato abbassato da 36 a 24 mesi.

In una nota Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi, sottolineano: “L’emendamento alla legge di Stabilità con il quale si punta a contrastare l’abuso di lavoro precario nel settore dell‘informazione, presentato dai deputati Walter Verini e Dario Ginefra, rappresenta un passo decisivo per il riconoscimento di garanzie e tutele di legge e di contratto a quanti sono di fatto lavoratori dipendenti, ma non si vedono riconoscere alcun diritto”.

“In particolare – proseguono Lorusso e Giulietti – il ricorso massiccio alla figura del co.co.co rappresenta una discriminazione rispetto a tutti gli altri lavoratori, che è diventata un’emergenza di dimensioni analoghe a quelle che hanno portato all’abolizione dei voucher nel sistema generale. È auspicabile che governo e Parlamento diano seguito alle manifestazioni di solidarietà nei confronti della parte più debole del mondo dell’informazione e, insieme a tutto il pacchetto lavoro, approvino questa proposta che rappresenterebbe un deciso passo in avanti sulla strada del riconoscimento della dignità del lavoro e delle persone, oltre che della lotta al precariato. Resta il rammarico per la mancata ammissione degli emendamenti sulla cancellazione del carcere per i giornalisti e sul contrasto alle querele temerarie. L’auspicio è che, pur in conclusione di legislatura, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, trovi lo strumento adeguato per sottoporre le questioni all’esame del Parlamento”.

To Top