Media

Facebook, pagine maschiliste dove si postano (e insultano) le proprie ragazze

Facebook, pagine maschiliste dove si postano (e insultano) le proprie ragazze

Facebook, pagine maschiliste dove si postano (e insultano) le proprie ragazze

ROMA – Pagine virtuali nate su Facebook e popolate al 99% di uomini, che considerano la parità tra i sessi una follia, sentendosi superiori alle donne. I contenuti, poi, sono la cosa più atroce. Un fenomeno al quale è difficile porre degli argini e che purtroppo riscontra sempre più successo in rete.

Le protagoniste, quasi sempre inconsapevoli, sono ragazze di tutte le età che vengono fotografate o filmate nei momenti più disparati. Mentre dormono, preferibilmente in posizioni sensuali o con la biancheria intima in vista, da persone delle quali si fidano. O magari semplicemente in strada, mentre camminano, immortalate da sconosciuti di passaggio che poi pubblicano le immagini del loro volto.

Sono almeno dieci i gruppi sessisti in Italia, stando a un’indagine svolta recentemente da L’Espresso che ha tentato di fotografare il fenomeno. Per una pagina che chiude, individuata dalla polizia postale, subito ce n’è un’altra pronta a venire alla luce.

Ecco allora ad esempio il gruppo “Cagne in calore“, con ben 18mila fan. A colpire è la totale mancanza di rispetto anche per i propri partner: “Come dorme la mia dolce metà! Cosa ne dite?” si legge in un post, in allegato lo scatto di una signora sdraiata a letto. “Se vuoi vengo a darti una mano, e mentre me la faccio vedrai che dopo i primi colpi comincia a godere come non ha mai goduto”, la risposta di un altro utente, pronto a raccogliere la provocazione sfoggiando tutta la sua virilità.

“Pubblico in giro le foto che lei mi manda per eccitarmi”, spiega uno degli iscritti. Non l’unico. “Ti mando foto della mia amante, della mia ex o delle mie amiche. Dipende da come mi contraccambi” propone un altro. Le ex ovviamente sono le più bersagliate.

 

 

To Top