Il Fatto Quotidiano: “E Berlusconi disse a Ingroia: Possiamo salvare l’Italia”

Pubblicato il 6 settembre 2012 23:18 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2012 23:19

ROMA – Battute e gaffe tra Berlusconi e il pm Ingroia che lo interrogava: è questo il retroscena dell’interrogatorio proposto in prima pagina dal Fatto Quotidiano in edicola il 7 settembre.

“I retroscena dell’interrogatorio: battute, gaffe, galanterie alla pm Sava, perfino l’invito al procuratore aggiunto a entrare in politica. Poi le storie “fantasy” su Mangano, Dell’Utri e gli attentati: “A Palermo han tutti la faccia da mafiosi”.

Marco Travaglio dedica il suo editoriale al “caso Renzi” che scuote il Pd e, soprattutto, Massimo D’Alema:

Allarme generale: “Massimo D’Alema non è tranquillo”. Anzi, “è decisamente inquieto”. Così lo descrive, in una frizzante intervista, il Corriere della Sera. Non bastassero “la crisi” che “dev’essere la prima preoccupazione di tutti” e “il degrado del dibattito politico” (tutte vicende che lo vedono incolpevole spettatore, non avendo lui ricoperto alcun incarico negli ultimi 40 anni), c’è pure la questione del “Nagorno-Karabach” di cui si appresta a parlare con l’ambasciatore. Ma soprattutto “lo assillano i titoli dei giornali” che “parlano quasi tutti di Matteo Renzi. E lui non riesce a digerirlo”.