Il Fatto: “I due buchi di Passera. Soldi estero: Intesa sapeva. E frequenze tv”

Pubblicato il 25 agosto 2012 1:42 | Ultimo aggiornamento: 25 agosto 2012 1:42

Fatto Quotidiano, prima pagina, 25 agosto 2012ROMA – Il Fatto Quotidiano di sabato 25 agosto torna a calcare la mano sul ministro Passera. Titolo di apertura “I due buchi di Passera. Soldi all’estero: Intesa sapeva. Frequenze tv: nulla di fatto”. Secondo il giornale diretto da Antonio Padellaro, ci sarebbe “un prestito di 130 milioni a imprenditori evasori in Lussemburgo”. Queste, le “nuove prove contro la banca gestita allora dal ministro”. Per quanto riguarda il secondo buco, invece, quello delle frequenze, sono “scaduti i termini dell’asta pubblica: manca persino il regolamento. Tutto fermo nella partita miliardaria che sta a cuore a Mediaset”. Marco Palombi titola sarcastico: “Crescita, non c’è un euro”. Scrive Palombi:

“Pronti a tagliare l’Irpef. Anzi no, abbasseremo le tasse sul lavoro. Poi facciamo il piano per i giovani e le coppie e quello per gli aeroporti e un altro per le infrastrutture con 80 miliardi di investimenti, dice il ministero dello Sviluppo”.

A sinistra un riquadro rosso, lungo un’intera colonna, è dedicato alla Trattativa tra mafia e Stato. In ordine scrivono: Truzzi, “Carlassare: ‘L’immunità del Presidente nella Carta non esiste'”. Poi Beatrice Borromeo, “Un precedente contro il Colle. La Corte Costituzionale ha deciso: “Il ricorso per conflitto di attribuzioni sollevato dal presidente della Repubblica è inammissibile”.

E ancora, Roberta Monticelli: “Menzogna e privilegio”. E Massimo Fini: “Il populismo immaginario”.

Sullo stesso tema torna anche Marco Travaglio: “Salvare Zag e Scalfari”. Come salvare capra e cavoli, bersaglio di Travaglio è il direttore di Repubblica Ezio Mauro che “ieri ha provato, con abilità dialettica e qualche maligna allusione al Fatto, a mettere d’accordo gl’illustri litiganti di Repubblica: il fondatore Eugenio Scalfari e il presidente emerito della Consulta Gustavo Zagrebelsky. Ma, a nostro modesto avviso, ci è riuscito solo in parte.Perché ha dovuto sacrificare un bel po’ di quell’“obbligo alla verità” e al “giornalismo” a cui si è richiamato”.

Il taglio centrale parla di infortuni d’oro. “Un dirigente Rai cade in bici. Risarcito con 500 mila euro”. Carlo Tecce riporta il caso del vicedirettore generale Gianfranco Comanducci, “che gestisce anche i contatti con le assicurazioni, riceve una maxi-liquidazione da Fondiaria che poi ha disdetto la commessa”.

In chiusura “Breivik, 21 anni in carcere di lusso: Ne ho uccisi pochi”. Poi sport: “Armstrong dopato. Lui non si oppone e perderà i tour”. E “Campionato di Serie A. Oggi si riparte con la Juve favorita”.

A pagina 16 Paolo Villaggio scrive di “Libri al rogo di Giovanna D’Arcore”. Gli italiani, generalmente entrano nelle librerie solo sotto Natale. in casa hanno pochi libri, mentre i direttori, tutti gli onorevoli e i capicosca per le feste vengono sommersi dai così detti “libri da tavolo”.

 

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other