Il Fatto Quotidiano: “L’ora degli sciacalli”

Pubblicato il 27 luglio 2012 23:35 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2012 23:35

ROMA – Il Fatto Quotidiano dedica l’apertura del 28 luglio alla morte del consigliere del presidente della Repubblica Loris D’Ambrosio. Molti, in primis Napolitano, hanno collegato l’infarto a una campagna mediatico-giudiziara ritenuta infamante. Il caso delle intercettazioni tra D’Ambrosio e Nicola Mancino è stato seguito in particolare proprio dal Fatto. Che oggi scrive:

“La morte di Loris D’Ambrosio, consigliere di Napolitano, scatena con la bava alla bocca i nemici della Procura di Palermo e del Fatto Quotidiano. Scendono a qualunque bassezza pur di colpire e diffamare chi osa informare e dissentire”

Al medesimo argomento è dedicato l’editoriale di Marco Travaglio:

“Mentre stormi di avvoltoi e branchi di sciacalli si aggirano famelici attorno alla salma di Loris D’Ambrosio, additando improbabili colpevoli del suo infarto e scambiando per “assassinio” il dovere di cronaca e il diritto di critica, è il caso di rinfrescare la memoria agli smemorati di Libero, Giornale, Foglio, Corriere, Stampa e Repubblica, ieri macabramente uniti nel mettere alla gogna Il Fatto Quotidiano nel tentativo (vano) di spegnere ogni residua voce di dissenso”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other