Germania. Crisi, Spiegel Verlag annuncia 149 licenziamenti

Pubblicato il 1 Dicembre 2015 18:53 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2015 18:53
Il settimanale Der Spiegel

Il settimanale Der Spiegel

GERMANIA, BERLINO – Spiegel Verlag, la casa editrice che pubblica lo storico settimanale di informazione tedesco, ha annunciato un taglio di 149 lavoratori entro la fine del 2016, nel quadro delle politiche di risparmio varate per far fronte alla crisi. In dettaglio sono stati preannunciati 35 licenziamenti fra i redattori del settimanale, 14 nel settore della documentazione e 100 tra gli addetti nella casa editrice.

Lo scorso luglio la casa editrice aveva presentato il piano di risparmio con tagli per 15 milioni di euro. “La riduzione dei posti di lavoro è una scelta senza alternative se vogliamo assicurare un futuro economico alla nostra azienda”, ha detto l’amministratore della società Thomas Hass ad Amburgo. Nello stesso tempo sono stati annunciati 11 progetti di rilancio, tra i quali una versione a pagamento del sito online e una versione regionale pilota di 3 mesi per il Nordreno-Vestfalia.