Il Fatto: “Napolitano arresta procura Palermo. I super-redditi dei manager Pa”

Pubblicato il 17 luglio 2012 1:48 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 14:52

Il Fatto Quotidiano, prima pagina, 17 luglio 2012ROMA – “Napolitano arresta la procura di Palermo”, titola a tutta pagina il Fatto Quotidiano del 17 luglio 2012. “Per far distruggere le sue telefonate con Mancino – scrive il Fatto – nell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, il Quirinale solleva un conflitto di attribuzioni alla Consulta contro i pm. Che replicano abbiamo seguito la legge”.

“Il Colle: difesa delle istituzioni” con questo titolo Eduardo Di Blasi racconta il “non ci sto” del Capo dello Stato. Dalla colonna accanto Marco Lillo passa la parola a Gerardo D’Ambrosio, senatore Pd che dà ragione a Messineo. “La procura di Palermo ha rispettato la legge e io al loro posto avrei fatto esattamente lo stesso”. Sotto lo stesso cappello di apertura Marco Travaglio si chiede “Cosa si sono detti al telefono Mancino e Napolitano? Impossibile saperlo: le conversazioni sono stralciate, segregate e destinate quasi certamente alla distruzione”. Infine Bruno Tinti spiega che “Il codice parla chiaro. Napolitano usa lo stesso strumento che ha usa o B. quando un Parlamneto per cui mancano gli aggettivi sollevò conflitto avanti alla Corte costituzionale su “Ruby nipote di Mubarak”.

Chiude Marco Travaglio che titola il suo editoriale così: “Lo zio di Mubarak”. “Dunque non eravamo pazzi, noi del Fatto – osserva Travaglio – a occuparci con tanto rilevo e in beata solitudine delle telefonate Quirinale.Mancino sulla trattativa Stato-Mafia. Se il presidente della Repubblica interpella addirittura la Consulta, alla vigilia del ventennale della strage di via D’Amelio”.

Il taglio centrale è dedicato invece alle dichiarazioni dei redditi 2010 dei manager che ricoprono cariche pubbliche. “I veri ricchi lavorano per lo Stato”, scrivono Feltri e Tecce. “Altro che i politici: da Arcuri (Invitalia) a Zappa (Finmeccanica ), ecco quanto guadagnano i vertici di istituzioni e partecipate del tesoro”. In pagina le foto e i numeri di Giuseppe Orsi, Antonio Mastrapasqua e Giuseppe Bonomi.

A chiusura di pagina Oliviero Beha con “Alfano, Lucio Il padrone è padrone” e Loretta Bertolotti, cancelliere della Procura di Milano: “Vi racconto il fax della non giustizia”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other