Giuseppe Conte premier, Giuseppe Cruciani: “E chi c… è?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 maggio 2018 10:12 | Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2018 10:12
Giuseppe Conte premier, Giuseppe Cruciani: "E chi c... è?"

Giuseppe Conte premier, Giuseppe Cruciani: “E chi c… è?”

ROMA – Giuseppe Conte premier, “e chi cazzo è?”. Giuseppe Cruciani, in diretta a La Zanzara su Radio 24 dice la sua. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] E lo fa con toni accesi: “Ma chi cazzo lo conosce questo Conte? Dici, cazzo, Antonio Conte premier! No, mo vi ritrovate un professore di diritto privato premier, sconosciuto! Ma quale amico del popolo!“.

Nato a Volturara Appulla, un piccolo centro in provincia di Foggia, 54 anni, sposato e poi separato, un figlio di dieci anni, Giuseppe Conte vive a Roma, dove è il titolare di un grande studio legale, e insegna a Firenze diritto privato. Il suo curriculum accademico riempie parecchie pagine: laurea in Giurisprudenza all’Università di Roma, poi una sfilza di master e perfezionamenti in giro per il mondo (Yale, Vienna, Sorbona, New York University).

Indossa sempre i gemelli e gli piace la pochette. Si è laureato in Legge alla Sapienza, ma ci tiene, oltre all’eleganza, a far sapere che ha un curriculum che in pochi possono vantare: è passato come studente, nel 1992, tra Yale e Duquesne, un anno dopo a Vienna (International Kultur Institut), sette anni dopo in Francia alla Sorbona, nel 2001 nel Regno Unito, presso il Girton College, in quel centro del sapere e della ricerca mondiale che si chiama Cambridge, e poi ancora alla New York University, circa dieci anni fa. Per Luigi Di Maio potrebbe essere il premier ideale, il nome che Mattarella non potrebbe rifiutare. Al Quirinale non ne sono del tutto convinti, ma nella Lega invece sembra che non abbiano nulla da obiettare. Se il professore Giuseppe Conte non ha esperienza politica, è di sicuro un tecnico, almeno di estrazione giuridica, di livello. (Marco Galluzzo, Corriere della Sera)

Nel 1988 (l’anno della laurea), era già stato inserito nella commissione istituita a Palazzo Chigi per la riforma del codice civile. Non si contano le collaborazioni con riviste giuridiche, università di paesi stranieri, i libri e gli articoli pubblicati. E’ stato anche componente del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, carica dalla quale si è dimesso quando Di Maio lo ha voluto tra i suoi ministri.

Per avere un’idea del suo orientamento, è sufficiente dare un’occhiata alle sue dichiarazioni durante la presentazione della squadra di governo cinque stelle: “Primo: bisogna drasticamente abolire le leggi inutili, che sono molte più delle 400 indicate da Luigi Di Maio. Secondo: bisogna rafforzare la normativa anti-corruzione prevedendo quelle iniziative che si muovono nello spazio oscuro che precede la corruzione. Terzo: bisogna rivedere, pressoché integralmente, la riforma della cattiva scuola”.