Instagram censura la melanzana

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 luglio 2015 7:13 | Ultimo aggiornamento: 22 luglio 2015 19:41
Instagram censura la melanzana

Instagram censura la melanzana

ROMA – Instagram censura la melanzana. L’ultima pagina degli eccessi un po’ bigotti dei social network è stata scritta negli Stati Uniti. Dall’altra parte dell’oceano per parlare dell’ortaggio (protagonista indiscusso della “parmigiana”) si usa il termine “eggplant”, mentre in Gran Bretagna preferiscono il francesizzante “aubergine”.

Bene, Instagram, che aveva già vietato l’hashtag #curvy per difendere le donne con qualche chilo in più, in nome del politicamente corretto ha vietato l’hashtag #eggplant, che nello slang nordamericano allude al pene degli africani, perché ne ricorda la forma, le dimensioni e il colore. Esagerazioni che non aiutano chi combatte la faticosa guerra contro il razzismo (e il sessismo). Scrive il Fatto Quotidiano:

La questione della censura “a fin di bene” sui social è materia antica e ampiamente dibattuta, ma a volte si rischia di esagerare. Basti pensare al divieto di pubblicare foto con capezzoli femminili su Instagram e Facebook, mentre quelli maschili sono ovviamente permessi. Come reazione, da qualche settimana circola con un certo successo l’hashtag #FreeTheNipple, una campagna virale per chiedere ai social network di rimuovere un divieto che più che pudico sembra alquanto bigotto.

Come scrive lo stesso Riccardo Luna, la Rete ha in sé gli anticorpi per reagire al razzismo e al sessismo. Ma forse sarebbe meglio non esagerare, perché per tutelare giustamente minoranze e categorie particolarmente esposte, si rischia di mettere il bavaglio a uno strumento che è libero per sua stessa natura. E allora, se quest’estate andrete in vacanza da una vecchia zia che vive a Brooklyn che vi farà mangiare una parmigiana di melanzana old style, non abbiate paura, usate l’hashtag incriminato a corredo della foto che inevitabilmente posterete su Instagram. #FreetheEggplant, insomma.