Internet, Severino: “Sui blog bisogna reprimere l’abuso”

Pubblicato il 26 aprile 2012 13:55 | Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2012 14:02

PERUGIA – Non guarda con sfavore al fenomeno dei blog ma per il ministro della Giustizia Paola Severino ''il problema e' reprimerne l'abuso''. Lo ha detto oggi intervenendo a Perugia e un dibattito su Etica e giornalismo nell'ambito del festival dedicato al mondo dei mass media.

''Il giornale – ha detto la Severino – ha una sua consistenza cartacea. Il giornalista e' individuabile e l'editore anche ed e' dunque possibile intervenire. Il blog ha invece una diffusione assolutamente non controllata e non controllabile. E' in grado di provocare dei danni estremamente piu' diffusi. Ecco perche' bisogna vederne anche la parte oscura. E' un fenomeno certamente positivo per certi aspetti ma nel quale si possono annidare anche cose negative (puo' essere un punto criminogeno). Questo mondo va regolamentato e pur nella spontaneita' che ne rappresenta la caratteristica non puo' trasformarsi in arbitrio''.

''Il cittadino – ha spiegato il ministro – ha il diritto di interloquire con un altro cittadino ma lo deve fare anche lui seguendo le regole. Credo questo sia un dovere di tutti, anche di chi scrive sui blog. Il fatto di scrivere su un blog non ti autorizza a scrivere qualunque cosa soprattutto se stai trattando di diritti di altri. Ricordiamoci che i diritti di ciascuno di noi sono limitati da quelli degli altri. Non posso intaccarlo solo perche' sono lasciato libero di scrivere. Mi devo sentire libero di scrivere e i blog hanno questa grandissima capacita' di diffondere il pensiero in tempo reale, un grandissimo pregio che riconosco. Ma questo non deve far trasformare la liberta' in arbitrio. Questa e' una regola che tutti dovrebbero seguire''.

Secondo il ministro ''e' molto difficile'' configurare un obbligo di rettifica per i blog. ''Proprio per questo – ha spiegato il ministro – credo che le mie parole vadano colte non come polemica o bavaglio, proprio perche' un mondo privo di una regolamentazione ad hoc. Mi rivolgo ai blogger direttamente dicendo 'sappiate che quello che fate agli altri potrebbe essere fatto a voi'. Quindi autoregolamentatevi e autodisciplinatevi perche' allora quello dei blog – ha concluso la Severino – diventera' un mondo veramente utile per la crescita sociale del nostro e di altri Paesi''.