Un Paese immerso nella palude. Michele Ainis sulla Stampa

Pubblicato il 14 luglio 2010 15:12 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2010 15:12

Corrotti, corruttori, collusi con la criminalità organizzata. Michele Ainis sulla Stampa descrive l’Italia come un Paese nella palude e non perchè le mele marce siano tante. Al contrario sono una piccola minoranza, ma sono anche la piccola minoranza che ha vinto. I potenti da noi sono tecnicamente immortali, si scambiano le poltrone ma non restano mai senza: quando hanno una piccola o grande disavventura con la giustizia incassano subito la solidarietà degli altri potenti. BlitzQuotidiano vi propone il commento di Ainis come Articolo del Giorno.

L’Italia che s’accinge a celebrare un secolo e mezzo di storia nazionale è diventata una palude, uno stagno d’acque limacciose nel quale siamo immersi fino al collo. Scorri le cronache che incalzano giorno dopo giorno, e t’accorgi che nessun ceto sociale, nessuna categoria professionale è fuori dalla melma. Ci trovi dentro il poliziotto e il giudice, l’imprenditore e il generale, il direttore della Asl così come il prefetto, il banchiere, il professore. E ovviamente il politico di turno, con le sue mani rapaci.

Tutti affaccendati in faccende deplorevoli ma ben retribuite, e infatti il faccendiere ormai incarna il mestiere con la maggiore schiera di seguaci. Tu vedi che l’Italia è questa, ma sai pure che non è soltanto questa. All’università imperversano piccoli baroni (fateci caso: in genere sono anche bassi di statura), ma i più insegnano, studiano, scrivono, non passano tutto il proprio tempo a imbastire trame e organigrammi. […]