La Fiat compra la Chrysler e licenzia 60 giornalisti de La Stampa

Pubblicato il 10 giugno 2009 10:12 | Ultimo aggiornamento: 10 giugno 2009 10:13

Tira aria di crisi anche alla Stampa degli Agnelli. Il quotidiano diretto da Mario Calabresi si prepara infatti, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, a chiedere lo stato di crisi dal prossimo settembre. Nel frattempo, il piano dell’editore è avviare tra i giornalisti 17 pensionamenti per raggiunti limiti di età, iniziando dal prossimo autunno fino all’agosto 2011, oltre ad altri 43 prepensionamenti. Le uscite sarebbero, in tutto, 60 su 228 redattori in organico. Nelle file dei poligrafici, invece, dovrebbero essere in 76 a lasciare, tra pensionamenti e prepensionamenti.
Mario Calabresi Proprio quelle redazioni che lo stesso Calabresi avrebbe dichiarato di non voler toccare, pur nell’ottica di un’intera rivisitazione del lavoro. A conferma dovrebbero restare aperte, secondo alcune indiscrezioni, le sedi distaccate di Roma e Milano, probabilmente però rivedendo il flusso delle notizie: il desk delle pagine capitoline e meneghine non sarà più fatto a Torino, ma direttamente nelle redazioni locali per facilitare l’ufficio centrale.