Mauro Donato, fotoreporter detenuto in Serbia: la mobilitazione di Fnsi e Ordine giornalisti

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 aprile 2018 20:58 | Ultimo aggiornamento: 4 aprile 2018 20:58
Mauro Donato, fotoreporter detenuto in Serbia

Mauro Donato, il fotoreporter detenuto in Serbia (Ansa)

ROMA – Il coordinamento nazionale degli istituti professionali dei giornalisti (Fnsi, Ordine, Inpgi, Casagit, Fondo Previdenziale), riunito a Milano per l’avvio del nuovo organismo, ha deciso di aderire unitariamente all’appello lanciato dai familiari di Mauro Donato e da Alessandra Ballerini, legale della famiglia, affinché governo e forze politiche compiano ogni sforzo per arrivare alla liberazione di Mauro Donato, da troppi giorni rinchiuso nelle carceri serbe pur essendo evidente la sua innocenza.

Per questa ragione e a sostegno di questo appello, il coordinamento degli enti ha deciso di indire per venerdì alle ore 11, nella sede della Fnsi a Roma, una conferenza stampa alla quale parteciperanno, tra gli altri, i familiari e gli amici di Mauro Donato, i rappresentanti dell’Associazione stampa subalpina, l’avvocato Alessandra Ballerini e il senatore Luigi Manconi.

Donato è stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata ai danni di tre giovani migranti afghani.