Patrick Soon-Shiong compra Los Angeles Times e San Diego Union-Tribune

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 giugno 2018 5:57 | Ultimo aggiornamento: 18 giugno 2018 17:12
Patrick Soon-Shiong si compra Los Angeles Times e San Diego Union-Tribune

Patrick Soon-Shiong compra Los Angeles Times e San Diego Union-Tribune

LOS ANGELES – Con 500 milioni di dollari, il miliardario biotech Patrick Soon-Shiong è diventato il nuovo proprietario del Los Angeles Times e del San Diego Union-Tribune, da 135 anni due giornali storici della California del Sud, insieme a Hoy in lingua spagnola e altre testate regionali.

Il medico-imprenditore, ha rilevato le testate da Tronc Inc. di Chicago e dopo 18 anni turbolenti, l’accordo riporta il Los Angeles Times, il giornale più importante della seconda città più grande degli Stati Uniti e il sesto a livello nazionale, sotto il controllo locale.

Figlio di immigrati cinesi cresciuti nell’apartheid in Sud Africa, Patrick Soon-Shiong da adolescente vendeva per strada il giornale della sera. Il lavoro, ama dire il miliardario, ha plasmato le sue opinioni sul potere della stampa e sulle condizioni dei più deboli.

“Il giornale è molto importante per unire la comunità” e chi conosce il medico biotech sostiene che con l’attuale acquisizione vuole  assicurarsi un posto tra brokers di potere della città, conquistare credito per riportare il giornale al suo antico splendore.

Parlando con i dipendenti del quotidiano, Soon-Shiong ha annunciato che sposterà il giornale dallo storico edificio Art Deco a El Segundo, sobborgo di Los Angeles, notizia destinata a sollevare possibili polemiche da parte della redazione.

Soon-Shiong, ha parlato dell’ambiziosa visione per il Los Angeles Times che farà leva sulla tecnologia e sottolineato l’importanza dell’indipendenza editoriale e della tolleranza.

“Il giornale, deve essere totalmente indipendente, fattuale, onesto, imparziale e al contempo stimolante e attento”.
I giornalisti, dopo anni di lotte, tagli ai costi, licenziamenti con la precedente proprietà, ora sono cautamente ottimisti sulla possibilità che Soon-Shiong reinventi il quotidiano e lo riporti alla solidità finanziaria, esattamente come ha fatto un altro miliardario, Jeff Bezos ceo di Amazon, con il Washington Post.

Nonostante il rinnovato ottimismo della redazione del Times, non è chiaro se Soon-Shiong, trasferitosi a Los Angeles nel 1980 e realizzato una fortuna con start-up biotecnologiche create per commercializzare farmaci innovativi per trattare il diabete di tipo 1 e il cancro inventati da lui, possa ridare slancio alla storica testata giornalista la cui redazione ha problemi di risorse e non ha esperienza nella gestione di un giornale, sebbene sia stato uno dei principali azionisti di Tronc.

Ma l’ambizione di portare la rivoluzione digitale al servizio della salute, dell’istruzione, scienza e del sistema giudiziario è stata criticata dai suoi detrattori, che l’hanno accusato inoltre di convogliare donazioni filantropiche a enti che fanno affari con le sue società.

“Sono ambizioso”, ha ammesso, “Voglio curare il cancro, scoprire un vaccino universale contro l’influenza, trovare la causa dell’Alzheimer, capire come rigenerare i tessuti”.

Soon-Shiong ha sostenuto che il suo obiettivo rimarrà quello di trovare una cura per il cancro ma ad alcune persone ha ipotizzato il ruolo di editore del Times:”Vedo me stesso come proprietario in grado di affrontare le sfide con una prospettiva diversa”.

In molti, tuttavia, si chiedono se cercherà o meno di influenzare le posizioni degli editoriali. Il Los Angeles Times, un tempo  giornale conservatore, attualmente è una voce liberal in una città e in uno stato fortemente progressista. E nell’era di Trump, gli editoriali del quotidiano sono stati la voce dell’opposizione.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other