Rai, Franco Siddi nuovo presidente Confindustria Radio Tv

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Dicembre 2015 10:21 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2015 10:21
Rai, Franco Siddi nuovo presidente Confindustria Radio Tv

Franco Siddi

ROMA – Franco Siddi, ex segretario della Federazione nazionale della stampa italiana (il sindacato unitario dei giornalisti italiani), è il nuovo presidente del consiglio di amministrazione di Confindustria Radio Televisioni, associazione a cui aderiscono le maggiori imprese italiane dei settori dei media audiovisivi e radiofonici.

Siddi succede a Rodolfo De Laurentiis, avvocato e politico italiano, ex consigliere di amministrazione della Rai.

Come spiega Prima Online, in Confindustria Radio Televisioni

“sono presenti attualmente 21 Aziende che operano nel campo radiotelevisivo: Rai, Mediaset, Sky, La7, Discovery Italia, Eutelsat, TV locali, Radio Locali, Telecom, Viacom, Rtl 102.5, Radio Italia, TV2000, Qvc, TIVU, Elemedia, HSE24, Prima Tv Dfree, Digicast, Giglio Group e Ses you satellity company (socio aggregato). L’Associazione ha l’obiettivo di favorire e promuovere il progresso e la crescita culturale, strategica e innovativa delle imprese del settore dei media audiovisivi e radiofonici nel rispetto dei valori dell’etica professionale, della libertà di concorrenza e della libertà d’impresa. Inoltre promuove lo sviluppo del mercato dei media audiovisivi e radiofonici tramite Web e Internet”.

 

Franco Siddi, all’anagrafe Francesco Angelo Siddi, è un giornalista e sindacalista italiano. Per otto anni ha lavorato come collaboratore esterno dell’Unione Sarda, poi è stato per due anni corrispondente-informatore locale del Gazzettino Sardo Rai. Dopo tre anni come addetto stampa del Comune di Cagliari, nel 1985 ha iniziato a lavorare a La Nuova Sardegna, occupandosi di cronaca e politica.

Dal 1992 al 2001 è stato presidente dell’Associazione della stampa sarda. Dal 2007 al 2015 è stato segretario della Federazione nazionale della stampa italiana, incarico che ha lasciato in febbraio, passando il testimone a Raffaele Lorusso. Il 4 agosto 2015 è stato nominato dalla commissione di vigilanza uno dei sette consiglieri di propria competenza nel Consiglio di amministrazione della Rai.