Salva Sallusti, Articolo 21: “Schifani inviti il Senato ad accantonarlo”

Pubblicato il 24 Novembre 2012 17:02 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2012 17:03
Alessandro Sallusti

ROMA – ”Uno sciopero si può differire, ma la lotta contro i bavagli e le nuove leggi manette non può invece conoscere pause di alcun tipo. Per queste ragioni l’associazione Articolo 21 parteciperà a tutte le iniziative che saranno promosse dalla Fnsi e dall’Ordine dei giornalisti, affinchè le prossime ore siano dedicate ad una grande campagna di informazione contro una legge che, nata per abrogare il carcere per i direttori, ora vorrebbe estendere la stessa pena a tutti i cronisti, senza neppure introdurre quel Giurì per la lealtà della informazione che avrebbe finalmente assicurato una effettiva ed immediata tutela al diffamato”. Lo afferma in una nota Giuseppe Giulietti, portavoce dell’associazione Aricolo 21.

”Per queste ragioni – continua Giulietti in una nota – ci permettiamo di chiedere a tutte le trasmissioni radio e tv di dedicare uno spazio di approfondimento a questo tema e dare spazio alle ragioni, per una volta comuni, di editori, direttori e redazioni. Da oggi il sito di Articolo 21 dedicherà la propria apertura al ‘No al bavaglio’ ed inviteremo tutti i nostri associati a partecipare alle iniziative che saranno promosse portando con se’ solo una copia della Costituzione ed una candela, simboli di chi vuole contrapporre la luce della legalità e della informazione contro ogni forma di oscurità, oscurantismo, censura”.

”Siamo sicuri – conclude Giulietti – che il presidente Schifani che ha rivolto un autorevole appello ai giornalisti fara’ altrettanto nei confronti di quei senatori che hanno tanta voglia di carcere e di bavagli invitandoli a rimettere nel cassetto una legge brutta nel testo e pessima nel contesto”.