Media

Sarahah, l’app dell’onestà via messaggi anonimi che conquista internet

Sarahah, l'app dell'onestà via messaggi anonimi che conquista internet

Sarahah, l’app dell’onestà via messaggi anonimi che conquista internet

LONDRA – L'”onestà” di Sarahah, conquista Internet. L’app del programmatore saudita Zainalabdin Tawfiq, è diventata più che popolare, ha illuminato la scena tech del conservatore regno saudita, scrive The EXpress Tribune.

Il 29enne Tawfiq è diventato famoso grazie a Sarahah, un servizio di messaggistica istantanea che permette di inviare messaggi anonimi senza diritto di replica, e il nome in arabo vuol dire proprio “onestà”. Inizialmente concepito come uno strumento per i dipendenti che volessero esprimere commenti onesti sui capi di lavoro, senza diritto di replica, Sarahah ben presto si è diffusa negli smartphone della Generazione Y o Millenial di tutto il mondo, scatenando l’allarme di chi vede nell’app problemi di bullismo e privacy.

Ma Tawfiq non è d’accordo e ad AFP ha dichiarato che “Sarahah è stata realizzata con l’intento di garantire l’anonimato che permette agli utenti una spietata onestà”. L’app ha un design sobrio, è rapida e incoraggia gli utenti a “scrivere un messaggio costruttivo :)” a cui il destinario non è consentito rispondere ma può solo condividerlo sui social media o bloccare il mittente.

E Sarahah ha avuto un forte impatto nel mondo arabo, noto per la censura online, ma al contempo nei Paesi occidentali. Finora si sono registrati 85 milioni di utenti e in alcuni Paesi ha raggiunto l’app store di Apple, è davanti a pezzi da novanta come Snapchat e Instagram.

Che un’app saudita possa ottenere un tale successo, scrive The Tribune, mostra il potenziale nascosto nell’innovazione tecnologica e imprenditoriale, in un momento di trasformazione economica di un Paese ultraconservatore. L’Arabia Saudita, nell’ambito del suo ambizioso programma di riforme per affrancare il regno dai proventi derivanti solo dal petrolio, punta all’impresa privata.

Tawfiq ha dichiarato di essere in trattative con investitori di capitali a rischio statunitensi, cinesi e arabi, in risposta agli scettici che hanno dubbi sul fatto che l’app possa essere efficacemente monetizzata. In alcune società arabe dove c’è discriminazione di genere, gli uomini hanno utilizzato Sarahah per dichiarazioni d’amore segrete mentre a Mubai, c’è stato chi ha affrontato apertamente argomenti come la salute sessuale, con gli psicologi.

Sarahah è stata sotto tiro, contestata poiché attirerebbe bullismo da tastiera ma Tawfiq ha affermato che è un problema comune a tutte le principali piattaforme dei social media.

To Top