Telemarketing e telefonate commerciali indesiderate: istruzioni per difenderti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 gennaio 2018 12:15 | Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2018 12:15
telemarketing-telefonate-indesiderate

Telemarketing e telefonate commerciali indesiderate: istruzioni per difenderti

ROMA – Telemarketing e telefonate commerciali indesiderate: istruzioni per difenderti. Dici telemarketing e pensi alle tante, troppe telefonate commerciali, quasi sempre indesiderate. Come ci si difende? Con le nuove norme che regolano il settore, meglio di prima: con la legge sul telemarketing approvata a dicembre scorso abbiamo più armi a disposizione per proteggere la nostra privacy, in particolare con il rafforzamento del “registro delle opposizioni.

Dal 25 maggio prossimo, poi, il regolamento europeo che uniformerà nella Ue le norme sull’utilizzo dei dati personali, renderà più efficace la protezione di riservatezza e diritto a non essere molestati telefonicamente.

Il registro delle opposizioni è un elenco cui si può inserire il nostro numero telefonico (da oggi anche quello del cellulare), elenco che gli operatori commerciali di telemarketing devono tenere in considerazione: chi è iscritto ha deciso che non vuole spot telefonici ha diritto a non essere disturbato. C’è però una deroga, osteggiata dal Garante della Privacy ma approvata in extremis in Parlamento: l’inserimento nel registro non fa decadere i consensi dati nei trenta giorni precedenti l’iscrizione.

Infine, nei prossimi mesi l’Autorità delle comunicazioni dovrà individuare due codici o prefissi che consentano all’utente di capire se il numero che lo sta chiamando proviene da un ente che sta svolgendo indagini statistiche o da un call center che sta compiendo una ricerca di mercato o sta promuovendo un prodotto. Il legislatore italiano ha, in tal senso, anticipato quanto prevede la proposta di regolamento europeo sulla tutela della privacy nelle comunicazioni elettroniche, disposizioni che soppianteranno, una volta approvate, quelle previste dalla direttiva 2002/58/Ce. (Antonello Cherchi, Il Sole 24 Ore)