Twitter hackerato: 55 mila password online. Ritorsione di Anonymous?

Pubblicato il 9 Maggio 2012 9:00 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2012 9:01

SAN FRANCISCO (USA) – Un gruppo di hacker ha “rubato” circa 55 mila password di utenti di Twitter. I nomi e le password degli account sono state pubblicate su Pastebin, un sito di file sharing. Twitter ha fatto però sapere che di questi account, circa 20 mila sarebbero di utenti “falsi”, i cosiddetti “fake”. Dunque, le informazioni rubate sarebbero quelle di circa 35 mila account.

I responsabili del social network hanno subito predicato calma: “Stiamo studiando la situazione e abbiamo inviato messaggi di reimpostazione della password a tutti gli utenti che crediamo possano essere stati colpiti”, è l’annuncio apparso spiegato sul sito di microblog. Poi la spiegazione: “Uno sguardo più attento rivela che circa la metà di questi account erano duplicati e che la larga maggioranza di essi apparteneva ad account sospesi da Twitter nel passato”.

Secondo Twitter degli account pubblicati su Pastebin più di 20 mila di essi erano username duplicati. “La maggioranza degli account che non erano duplicati – prosegue l’annuncio degli amministratori del sito – erano già stati sospesi dal team spam di Twitter”.

Twitter ha comunque voluto rassicurare i propri utenti: “Per le persone coinvolte, per chi pensa che il proprio account possa essere compromesso, suggeriamo di resettare la propria password ed altre azioni nell’help center”, dice una portavoce di Twitter.

La spiegazione fatta trapelare dagli amministratori del sito è quella della vendetta: “Visto che la maggioranza degli username coinvolti nell’attacco Anonymous sembrano essere spam account, il rilascio potrebbe essere una ritorsione per la chiusura di questi account”.