Wi-Fi e il futuro delle chiamate gratis, gli operatori si preparano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Marzo 2015 17:35 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2015 17:35
Wi-Fi e il futuro delle chiamate gratis, gli operatori si preparano

Wi-Fi

ROMA – Grazie ad app come Skype o Viber si possono effettuare chiamare Wi-Fi e video chat, ma nei prossimi anni anche gli operatori telefonici potrebbero cominciare ad offrire tariffe dedicate a questa nuova tipologia di chiamata.

Le chiamate Wi-Fi sono state introdotte con successo per la prima volta da Apple con il suo iPhone 6. Opzione limitata esclusivamente agli Stati Uniti, i possessori di iPhone 6 e operatore telefonico T-Mobile sono in grado di effettuare chiamate Wi-Fi dal loro dispositivo senza costi aggiuntivi. Sempre in America, Sprint, AT&T e Verizon hanno intenzione di offrire le loro tariffe speciali dedicate a questa funzione, mentre in Inghilterra è l’operatore telefonico EE a farsi avanti.

Le reti Wi-Fi domestiche e gli hotspot sono ormai diventati strumenti fondamentali per i vari operatori se vogliono tenere il passo con il crescente utilizzo di dati mobili. Le bande del Wi-Fi permettono di trasmettere bit che altrimenti graverebbero sulle frequenze degli operatori stessi, e aggiungere anche le chiamate Wi-Fi richiederebbe un trattamento speciale al fine di soddisfare le aspettative di ciò che una telefonata dovrebbe essere, vale a dire di qualità. Nel 2014, per questo motivo, l’operatore inglese EE ha annunciato di aver posticipato il lancio delle proprie tariffe per le chiamate Wi-Fi, per assicurarsi di non deludere le aspettative dei vari clienti.

Le compagnie telefoniche infatti vogliono raggiungere un punto in cui il cliente potrà effettuare chiamate Wi-Fi talmente perfette da non riuscire a capire se si tratta di connessione wireless o semplice chiamata vocale. La tecnologia potrebbe cominciare a prendere davvero piede solo nei prossimi due-tre anni. Per giungere a questo scopo si potrebbe utilizzare il VoLTE (Voice over LTE) facendo così in modo che gli operatori telefonici possano gestire sia le chiamate Wi-Fi che quelle tradizionali contemporaneamente.