Auto elettriche, Italia male in Europa. Milano la più smart tra le città italiane

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 marzo 2019 11:55 | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2019 11:55
auto elettriche italia

Auto elettriche, Italia male in Europa. Tra le città italiane Milano è la più smart

ROMA – La mobilità elettrica non è solo legata alla guida di un’auto a zero emissioni ma anche – e soprattutto – alla possibilità di spostarsi all’interno di città sempre più ‘smart’, con infrastrutture di ricarica adeguate, un’elevata intermodalità di servizi e agevolazioni da un punto di vista fiscale e logistico, come ad esempio, la sosta gratuita e il transito in zone limitate al traffico.

In questo scenario, l’Italia è agli ultimi posti in Europa (dove regina assoluta dell’elettrificazione è la Norvegia) con Milano che primeggia nella classifica delle città più green dello Stivale. Nel capoluogo lombardo – secondo una classifica stilata dal sito ‘Alla Carica, Generation Electricity’, sostenuto da un bando del Ministero dell’Ambiente per l’informazione e la sensibilizzazione dei millennials sulle smart city – l’auto elettrica privata è ferma a quota 811 (al 31 dicembre 2017) e le colonnine di ricarica sono ridotte all’osso ma raggiungeranno un migliaio entro il prossimo anno. Dal 2020, si acquisteranno solo bus elettrici.

Bene anche Torino per le agevolazioni sulla Ztl e per la capillarità del car sharing mentre Bologna vanta il primato della città con più ibride circolanti. Ancora in rampa di lancio il car sharing elettrico a Genova (dove entro il 2020 le colonnine di ricarica raggiungeranno quota 200). A Roma si attende la fine dell’anno per raggiungere le 700 colonnine di ricarica promesse dal Comune ma va bene la flotta ‘green’ che comprende tram, metro e bus. Numeri bassi per Napoli, che prevede agevolazioni per Ztl e parcheggio per i possessori di mezzi con la spina e ibridi, e Palermo, dove il car sharing elettrico è destinato ad arrivare a quota 80 entro il prossimo anno (solo 16 i punti di ricarica veloce nel capoluogo siciliano). (Fonte: ANSA)