Bimbi in auto, le regole dicono: in senso inverso, sedile posteriore o airbag disattivato

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 17 Febbraio 2020 13:38 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2020 13:39
Bimbi in auto, le regole dicono: in senso inverso, sedile posteriore o airbag disattivato

Bimbi in auto, le regole dicono: in senso inverso, sedile posteriore o airbag disattivato (fonte ANSA)

ROMA – Un neonato di due mesi è morto dopo un tragico incidente a Pisa. Il piccolo viaggiava nell’auto guidata dal padre ed era nell’ovetto, posto nel sedile anteriore del passeggero. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato lo scoppio dell’airbag dopo l’urto a determinare le gravissime ferite al bimbo. Un dramma che riaccende i fari sulla sicurezza del trasporto dei bambini in auto.

Sono oltre ventimila i bambini che dal 1969 hanno perso la vita in Italia in incidenti stradali e oltre 60mila quelli rimasti gravemente invalidi. Da alcuni anni la tragedia si sta ridimensionando e i piccoli, grazie a seggiolini e cinture di sicurezza, sono ora più al sicuro quando salgono in macchina.

La sicurezza dei bambini in auto è garantita dall’uso corretto dei sistemi di ritenuta (seggiolini, adattatori, cinture): consentono di evitare traumi, lesioni e riducono del 70% le probabilità di perdere la vita in caso di incidente. Questi dispositivi si dividono in 5 gruppi in base alle caratteristiche tecniche, all’età e al peso dei bambini cui sono destinati, devono essere omologati (conformi ai requisiti della normativa europea) e sono obbligatori per legge sino ai 12 anni o ai 150 cm di altezza.

A questo proposito, la prima indicazione è di appoggiare bene al sedile della macchina lo schienale del seggiolino e di allacciare sempre le cinture presenti sul dispositivo, anche per brevi tragitti. Fino a 9 kg di peso, i bambini devono essere trasportati in senso contrario alla marcia dell’auto. Gli esperti ricordano a tutti i genitori che non vanno mai posizionati sul sedile anteriore se la macchina è provvista di airbag, a meno che non possa essere disattivato. Il posto più adatto è il sedile posteriore, al centro, che protegge anche da eventuali urti laterali. Il mancato uso di seggiolini e adattatori è un’infrazione che comporta sanzioni amministrative. Multe anche per chi usa dispositivi non omologati o alterati con sistemi “fai da te”.

Una novità, sul fronte della sicurezza in auto, è rappresentata dall’istallazione dei sensori anti-abbandono sui seggiolini auto dei bambini. Si tratta di un dispositivo di allarme che diventerà obbligatorio a marzo per scongiurare le tragiche morti di minori dimenticati in macchina. (fonti ANSA, ALTRO CONSUMO)