Contachilometri auto taroccato, Italia al primo posto

di Giulio Riccardi
Pubblicato il 10 Dicembre 2018 13:01 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2018 13:02
Contachilometri auto taroccato

Contachilometri auto taroccato, Italia al primo posto

ROMA – La truffa del contachilometri, manomesso da chi vende per piazzare un’auto usata ad un prezzo molto più alto, non conosce età.

Secondo uno studio commissionato dal Parlamento Europeo, il giro di affari si aggira sui 9 miliardi di euro. Un mercato che vale 2 miliardi solo in Italia, dove vengono vendute circa la metà delle auto contraffatte in tutto il Vecchio Continente.

“Il consumatore ha poche armi per difendersi – spiega l’associazione di tutela dei consumatori Codici – perché il libretto dei tagliandi può essere contraffatto, ammesso che venga compilato dal proprietario, e la revisione, per cui è obbligatorio segnare i chilometri percorsi, è aggirabile in quanto la macchina spesso viene venduta prima dei quattro anni stabiliti dalla legge per la revisione obbligatoria. In caso di guasto, invece, c’è la riparazione in garanzia con cui il rivenditore disonesto può salvarsi. Una soluzione possibile – suggerisce l’associazione – è affidarsi ad un meccanico di fiducia per una verifica accurata dell’auto prima dell’acquisto. Un aiuto arriva però anche dalla tecnologia, anche se entra in gioco soltanto per gli ultimi modelli. Le funzioni vengono gestite da centraline elettroniche che possono essere controllate per conoscere i dai reali di una vettura”.

Il giro di vite auspicato dall’UE nasce dal fatto che i truffatori oggi non corrono particolari pericoli. L’eventuale condanna per un reato che rientra nel Codice Penale prevede la reclusione da 6 mesi a 3 anni ed una multa da 51 a 1.032 euro, ma difficilmente la vittima di un raggiro si avventurerebbe in un processo che potrebbe durare anni.