Formula 1, Vettel provoca Verstappen: “Volava in rettilineo, un po’ sospetto…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2019 22:39 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2019 22:39
Formula 1 Vettel attacca Verstappen volava un po' sospetto

Formula 1, Verstappen nella foto Ansa

ROMA – Continua la “guerra” tra la Ferrari e la Red Bull. Nelle settimane scorse, Verstappen aveva detto che la scuderia di Maranello non vinceva più perché aveva smesso di barare. Tutto è iniziato quando il team di Milton Keynes con Helmut Marko aveva pubblicamente sollevato dubbi sulla legalità della power unit della scuderia di Maranello.

Così oggi Vettel ha preso la palla al balzo per rispondere a Verstappen: “Complimenti per la pole. Voleva in rettilineo. Questa cosa mi sembra un po’ sospetta…”. Insomma, tra sospetti e frecciatine a distanza, il Mondiale di Formula 1 sta volgendo al termine con Ferrari e Red Bull che non sono riuscite più di tanto ad opporsi allo stra dominio della Mercedes. 

Le qualifiche del gran premio del Brasile di Formula 1. 
Max Verstappen, su Red Bull, ha conquistato la pole position del Gp del Brasile, penultima prova del Mondiale di Formula 1. Sulla pista di Interlagos, partirà dalla prima fila anche Sebastian Vettel con la Ferrari. In seconda fila, nell’ordine, Lewis Hamilton e il compagno di squadra Valtteri Bottas, visto che Charles Leclerc, quarto nei tempi di qualifica con l’altra Ferrari, dovrà scontare una penalità di dieci posizioni in griglia.

Le dichiarazioni polemiche di Vettel dopo le qualifiche sono riportate dalla Gazzetta dello Sport: “Ho fatto un errorino all’uscita dalla prima curva nel primo tentativo ma Verstappen si è migliorato ulteriormente e giù il cappello: la pole position è sua. La macchina si è migliorata nel corso delle qualifiche e speriamo di poter proseguire così in vista della gara – ha dichiarato Vettel nel post qualifica – per la gara è difficile dire se potremo lottare per la vittoria.

Red Bull e Mercedes sembrano trovarsi un pochino meglio nella gestione delle gomme ma sono cautamente ottimista, se siamo qui significa che abbiamo potenza. E’ stato sorprendente che le Red Bull siano andate così veloci in rettilineo, e forse un po’ sospetto”.