Incidenti stradali, più morti nel 2017. E lo smartphone è il primo indiziato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 marzo 2018 9:01 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018 9:01
Incidente stradale mortale

Incidenti stradali, più morti nel 2017. E lo smartphone è il primo indiziato

ROMA – Nel 2017 sono aumentate le morti causate da incidenti stradali. Secondo i dati raccolti dalla Polizia, al 31 dicembre dell’anno passato, si sono registrate 45 vittime in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

“Crescono i morti per incidenti stradale nel 2017. Con il 16% dei casi la distrazione, secondo i dati 2016, ne è la prima causa in Italia, in quest’ambito l’utilizzo del telefonino è il principale indiziato. Servirebbe un inasprimento delle sanzioni, con il ritiro della patente alla prima infrazione per far capire alla gente che questo comportamento è estremamente pericoloso”, lo ha detto Santo Puccia, primo dirigente della Polizia di Stato, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Servizio Polizia Stradale, nel corso di un evento organizzato sul circuito di Vallelunga da un Costruttore automobilistico, durante il quale si è parlato di sicurezza stradale.

Da un lato si è registrata una diminuzione del 2,4% del numero complessivo degli incidenti stradali: dai 76.052 del 2016 ai 74.226 del 2017. Calato del 4,8% anche il numero di sinistri con lesioni: da 51.926 a 49.441. Dall’altro – ha proseguito -, però, è aumentato dell’1,4% il numero degli eventi con esito mortale: da 1.547 a 1.569, con un +2,7% di vittime, passate da 1.665 a 1.710.

Il rischio legato all’utilizzo degli smartphone per chattare o inviare una ”faccina” sembra non essere percepito adeguatamente dagli automobilisti. A riguardo Puccia sottolinea: ”Tutti sanno che andare contromano in autostrada è un pericolo mortale, in pochi capiscono che usare il telefonino per mandare un messaggio o controllare l’email è come guidare bendati, per questo servirebbero sanzioni più pesanti, a scopo educativo, per far percepire la pericolosità di queste condotte”.

Ad oggi per la guida con il telefonino in mano è prevista la sanzione di 161 euro e la perdita di 5 punti della patente. In caso di recidiva entro due anni, cioè di ripetizione della stessa infrazione, scatta la sospensione della patente da uno a tre mesi.

Per sensibilizzare gli automobilisti sul pericolo rappresentato dall’utilizzo del telefonino in automobile è stata inoltre presentata la nuova campagna della Bmw, Cover your phone ovvero copri il tuo telefono, con protagonista il pilota Alex Zanardi.

“Oggi, questi oggetti qui – dice Alex Zanardi riferendosi ai telefonini – sono diventati una dipendenza. Perciò, prima di mettermi al volante, tolgo la cover al mio smartphone e la uso per coprire lo schermo. Una piccola attenzione per evitare di distrarmi”.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other