Uber hackerato paga il riscatto: 100mila dollari per i 57 milioni di account

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 novembre 2017 6:21 | Ultimo aggiornamento: 22 novembre 2017 6:13
uber-hacker

Uber hackerato paga il riscatto: 100mila dollari per i 57 milioni di account

ROMA – Oltre 57 milioni di account di passeggeri e autisti Uber sono stati rubati durante un terribile attacco hacker. La società ha deciso di pagare un riscatto di 100mila dollari ai cybercriminali pur di tenere al sicuro i dati sensibili dei suoi utenti almeno per un anno.

Nomi, indirizzi mail e numeri di telefono di 50 milioni di passeggeri e 7 milioni di autisti sarebbero stati sottratti dagli hacker durante un attacco messo a segno nell’ottobre 2016, scrive il New York Post. Secondo il report pubblicato da Bloomberg, la compagnia dopo l’attacco ha avuto due possibilità: informare i propri utenti della violazione informatica o pagare il riscatto richiesto dagli hacker per cancellare i dati, e avrebbe scelto la seconda via. Una scelta di cui Uber si sarebbe pentita, come dichiarato dalla Ceo Dara Khosrowshahi:

“Niente di tutto questo sarebbe dovuto accadere, e non inventerò delle scuse per giustificarci. Stiamo cambiando il modo in cui gestiamo questi affari”.

L’attacco hacker non è stato sofisticato: i criminali sono entrati negli account di due ingegneri di Uber e ne hanno rubato il codice e le password per accedere ai dati immagazzinati dall’app, poi hanno contattato la società per chiedere un riscatto di 100 mila dollari in contanti.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other