Valentino Rossi, quadro con il contatto con Marquez nel Ranch di Tavullia (FOTO)

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 aprile 2018 19:35 | Ultimo aggiornamento: 18 aprile 2018 19:35
Valentino Rossi, quadro con il contatto con Marquez nel Ranch di Tavullia (FOTO)

Valentino Rossi, quadro con il contatto con Marquez nel Ranch di Tavullia (FOTO)

TAVULLIA – Giornata emozionante per Manuel Pagliani, giovane promessa della moto, classe ’96, che ha potuto girare al Ranch di Tavullia con Valentino Rossi e i giovani piloti della VR46 Academy.

 

 

 

 

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

 

 

 

 

Il quadro con il contatto tra Valentino Rossi e Marc Marquez

Manuel Pagliani ha pubblicato su Instagram una foto con Valentino Rossi. E qui nulla di strano se non fosse presente, nel Ranch di Tavullia, un quadro che mostra il momento in cui Valentino Rossi e Marc Marquez   si sono toccati in pista a Termas de Rio Hondo, proprio mentre il fuoriclasse italiano stava perdendo l’equilibrio, qualche momento prima di cadere. Questo dettaglio ha lasciato di stucco i fan di Valentino Rossi che pensano a uno scherzo fatto al “Dottore”.

Moto: Austin terra di Marquez, Rossi cerca la rivincita

Se al motomondiale si applicassero le regole di una scienza esatta, gli altri potrebbero risparmiarsi il viaggio fino ad Austin. Perché sul circuito texano, dove le due ruote corrono dal 2013, in MotoGp ha vinto solo lui, sempre lui: Marc Marquez. Cinque gare ed altrettanti successi per il campione del mondo in carica, alla concorrenza solo le briciole. Ma quella di domenica prossima promette di essere un’edizione particolare.

Troppo fresco il ricordo dell’entrata scriteriata dello spagnolo targato Honda con conseguente caduta di Valentino Rossi, in Argentina, per permettere alle tensioni di essersi già stemperate, come testimonia un post su Instagram del pesarese di un paio di giorni fa: “Termas de Rio Hondo, gara difficile rovinata da un pilota pericoloso”. A quasi due settimane dall’incidente la rabbia ribolle ancora e chissà se basterà a calmare gli animi la ramanzina che Carmelo Ezpeleta, ceo di Dorna, ha promesso di fare ai due protagonisti venerdì, in occasione del Comitato sicurezza e prima dell’inizio delle prove. Nella speranza di non passare dal rodeo della pampa a quello texano. Sul sorpasso-scontro di Termas, nei giorni successivi hanno detto la loro un po’ tutti. A cominciare dallo stesso Marquez.

Pur ammettendo di aver commesso un errore, lo spagnolo ci ha tenuto a precisare: “sarò sempre me stesso”, ovvero al limite, “ma rimanendo dentro regole. Ho sbagliato ed ho pagato (con 30 secondi di penalizzazione, ndr)”. L’accusa di Rossi di averlo fatto di proposito? Non lo tocca: “tutti abbiamo avuto 20 o 22 anni. Vada a rivedersi certi sorpassi della sua lunga carriera”.

Dopo Giacomo Agostini, anche il presidente della Federazione mondiale, il venezuelano Vito Ippolito, ha difeso Marquez: “credo proprio che Valentino abbia esagerato nelle dichiarazioni a caldo. Era chiaramente agitato, ma non credo che Marquez l’abbia fatto apposta. Ha sicuramente sbagliato, ma non c’era intenzionale di danneggiare l’avversario”.

Il riaccendersi della rivalità ha relegato in secondo piano la bella vittoria in Argentina di Cal Crutchlow con la Honda del team satellite LCR, seguito sul podio da Johann Zarco (Yamaha Tech 3) ed Alex Rins (Suzuki). Dopo due prove il britannico guida con 38 punti, seguito da Andrea Dovizioso (35) e Zarco (28). Marquez e Rossi addirittura a -18 e -22. Era dal 2004 che un pilota indipendente non guidava la classifica iridata, quando fu Sete Gibernau a riuscirci per tre gare.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other