Vincenzo Sospiri, chi è l’idolo di Michael Schumacher

di Giulio Riccardi
Pubblicato il 28 Novembre 2018 14:32 | Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2018 14:32
vincezo sospiri

Vincenzo Sospiri, chi è l’idolo di Michael Schumacher

ROMA – Chi è stato il tuo avversario più forte? “Mika Hakkinen”. E chi il pilota più veloce che hai incontrato in pista “Sono stati due, Ayrton Senna e Vincenzo Sospiri”. Era Michael Schumacher a parlare, pochi mesi prima del terribile incidente sulle piste di sci di Meribel, in Francia. L’ultimo nome fatto dall’ex sette volte campione della Formula 1 ha creato molta curiosità tra i fan.

Ma chi è Vincenzo Sospiri? Nato a Forlì nel 1952, è un ex pilota automobilistico di Formula 3. Arrivò vicinissimo alla F1, ma il suo team, la Lola, dopo aver fallito le prove libere e le qualifiche del primo Gp del mondiale 1997, si ritira dal campionato.

Sospiri, intervistato da La Verità, ha raccontato la sua amicizia con Schumacher. 

“Non era la prima volta che Michael lo riconosceva. Lo aveva detto anche qualche anno prima. Gli chiesero chi fosse il suo idolo in pista e lui fece il mio nome. Riteneva che fosse impossibile battermi. Nei kart ricordo duelli pazzeschi, ci siamo anche speronati. La spuntavo quasi sempre io. Poi anche in Formula Ford e in Formula 3. C’ era grande rispetto, si correva sempre al limite. Ma c’ era anche una differenza poi risultata decisiva: lui aveva dietro la Mercedes, io no”.

“Cosa avevo di speciale per impressionare un gigante come Schumi? La risposta che mi inorgoglisce di più la diede Alex Zanardi. In un’ intervista disse che non mi sfuggiva niente e avevo sempre la gara sotto controllo. Sangue freddo e cuore caldo. Ho un poster celebrativo con le foto e una frase per tutti i piloti che hanno corso per la Dap di Achille Angelo Parrilla, un mito del kart. Sulla mia foto c’è scritto ‘Fast as usual’, veloce come al solito”.