Alonso, incidente terribile durante la 500 Miglia di Indianapolis. Per fortuna è illeso. VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 maggio 2019 17:18 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2019 17:19
Alonso, incidente terribile durante la 500 Miglia di Indianapolis. Per fortuna è illeso. VIDEO

Alonso, incidente terribile durante la 500 Miglia di Indianapolis. Per fortuna è illeso. VIDEO da YouTube

INDIANAPOLIS – “Penso sia stato un problema di sottosterzo, che non mi aspettavo”. Fernando Alonso ha spiegato così il brutto incidente capitatogli durante il secondo giorno delle libere della 500 Miglia di Indianapolis, che ha rovinato l’attesissimo ritorno della McLaren nella storica gara automobilistica. “Stavo correndo piuttosto vicino ad un’altra macchina (quella di Graham Rahal, ndr) e improvvisamente, a metà curva, ho perso completamente l’aderenza sull’avantreno. Ho provato ad alzare il piede per evitare il muro, ma non è bastato. Ora l’auto è piuttosto malconcia, mi dispiace per la squadra e per il mio errore” ha aggiunto lo spagnolo. Alonso ha colpito il muro dell’Indianapolis Motor Speedway per tre volte, danneggiando gravemente la sua McLaren (fonte Ansa).

Alonso partecipa alla 500 Miglia di Indianapolis, una competizione storica. 

La 500 Miglia di Indianapolis è una gara automobilistica degli Stati Uniti d’America, nata nel 1911. Si svolge il fine settimana del Memorial Day sul circuito ovale del Motor Speedway di Indianapolis. La prima edizione è stata vinta da Ray Harroun a bordo di una Marmon Wasp, l’ultima dall’australiano Will Power. 

L’importanza di questa gara per l’automobilismo americano è tale, che le vetture monoposto partecipanti alle serie americane (simili esteticamente alle Formula 1, ma con molte differenze tecniche) sono spesso chiamate IndyCars e il campionato in cui essa è inserita, il più importante del Nord America, porta il nome di IndyCar Series (fonte Wikipedia).

5 x 1000

Il video con l’incidente di Fernando Alonso alla 500 Miglia di Indianapolis dal canale YouTube di NTT IndyCar Series.