Ztl, multa illegittima se le foto non mostrano tempo, luogo e veicolo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 gennaio 2018 19:18 | Ultimo aggiornamento: 5 gennaio 2018 19:18
ztl-telecamere

Un varco Ztl

ROMA – Il Giudice di Pace di Milano ha ribadito, con la sentenza numero 11633/2017, un importante principio in materia di sanzioni per violazioni del codice della strada: la contestazione relativa alla violazione del divieto di circolazione in una zona a traffico limitato non deve essere necessariamente immediata, purché però la stessa sia documentata con immagini recuperate dagli appositi dispositivi posizionati ai varchi di accesso.

Il Giudice di Pace, come riporta il sito studiocataldi.it, ha chiarito anche quali elementi devono riportare le immagini. In particolare, il principio della necessaria documentazione della violazione tramite foto non è altro che la precisazione di quanto stabilito dall’articolo 3 del d.p.r. n. 250/1999 il quale, al primo comma, prevede anche che gli impianti utilizzati per l’accertamento devono rilevare i dati riguardanti “il tempo, il luogo e l’identificazione dei veicoli”.

Ad avviso del giudice, quindi, le foto utilizzate per la contestazione differita della violazione del divieto di circolare in una ZTL devono necessariamente contenere tutti e tre tali elementi, ovvero tempo, luogo e veicolo. Nel caso di specie, le immagini prodotte dalla ricorrente non permettevano di identificare né il luogo né il veicolo e, pertanto, le contestazioni rivolte alla donna non rispettavano il dato normativo. Il suo ricorso, pertanto, è stato accolto.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other