Al Bano e Romina Power al Festival di Sanremo: “Basta guerra, c’è rispetto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Gennaio 2015 12:39 | Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio 2015 12:39
Al Bano e Romina Power al Festival di Sanremo: "Basta guerra, c'è rispetto"

Al Bano e Romina

ROMA – Al Bano e Romina Power tornano insieme al Festival di Sanremo. In coppia canteranno “Cara terra mia”, “Felicità” e “Ci sarà”, che vinse nel 1984. Intervistato per La Stampa il cantante pugliese spiega il suo rapporto con il Festival:

Ma Sanremo le piace ancora?
«Sì, è un Natale pagano al quale gli italiani sono affezionati, anche se c’è chi fa finta di non saperlo e gli spara sempre contro. Una volta lo scrittore Alberto Bevilacqua mi raccontò che alla Rizzoli, la sua casa editrice, durante il festival organizzavano una giuria e votava anche il Cavalier Rizzoli. Il festival piace a tutti come una partita della Nazionale, ci fa amare nel mondo e ci ha lasciato canzoni come Volare, Felicità, L’italiano. Ha lanciato Lucio Dalla, Adriano Celentano, Vasco Rossi».

A Sanremo con lei la critica a Sanremo non è stata tenera…
«Mai. All’inizio ci stavo male, ma poi ho capito che dovevo applicare il motto: “Non ti curar di loro ma guarda e passa”. Certo, se penso a come è stata trattata Oggi sposi, la canzone della mia ultima partecipazione con Romina… È una poesia, l’ha scritta Depsa, e il titolo è una provocazione, ma figurati… Ci hanno massacrati. L’altra sera ho riascoltato quella canzone in tv, non se lo meritava».

Quindi Al Bano spiega il suo rapporto con la Russia, dove si esibisce ormai da sempre:

Prima di andare a Mosca, era un po’ dubbioso?
«Venivamo da anni di tribunali e avvocati, avvocati e tribunali. Poi, se fosse dipeso da me, quell’unione sarebbe ancora valida e solida, tanto che ci ho messo otto anni prima di rassegnarmi alla separazione».