Arisa: “Mi vogliono far fare la fine di Mia Martini…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 novembre 2016 17:07 | Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2016 17:07
Arisa (foto Facebook)

Arisa (foto Facebook)

ROMA – La cantante Arisa si racconta da X Factor al cinema fino al suo Best of. Lo fa in una intervista a Repubblica dove si sfoga per l’ulyimo periodo. Ecco alcuni passaggi dell’intervista.

Lei col suo stile ha giocato di continuo: con o senza occhiali, tagliando o tingendo i capelli…
“Ho giocato, e ripeto giocato, a fare la sex symbol. Ma ho iniziato a piacermi quando ho deciso di essere me”.

Poi Arisa parla anche del suo nuovo disco, una raccolta dei brani più popolari.

Un “best of” è un modo per fare punto e a capo. Per lei?
“Lo faccio sempre, anche se non ho idea del mio futuro, a parte il tour per teatri che inizia il 12 gennaio nel Pisano e chiude il 27 marzo a Milano. Sceglierà la vita, come sempre e io mi adatterò”.

Ora ha molto da fare in tv.
“A dicembre registro Il ricco e il povero per Discovery: a Copenhagen vivrò la vita di persone qualsiasi con chef Rubio, che tronco di maschio”.

E “X Factor?”
“Bell’impegno, ora come allora. Stavolta pare un Grammy visto il livello dei concorrenti e questo ne spiega le bizze: sono professionisti, accettano meno certe condizioni”.

Ma insomma, era ubriaca nella puntata iniziale?
“L’ho ammesso su Facebook. Ero in ansia, in camerino c’era una bottiglia di champagne. L’ansia è sparita, lo champagne pure”.

Coi colleghi come va?
“Tempesto Fedez per convincerlo a sposarmi, ma crede che scherzi. È il mio problema: ho difficoltà a farmi prendere sul serio”.

Difficile capire il limite tra ironia, autoironia e naïveté, non crede?
“Spero non mi stia dando dell’oca: io semmai sono una gallina. È che la gentilezza è vista come svaporatezza”.

Per questo su Facebook ha scritto di non voler fare la fine di Mia Martini?
“Ho studiato la sua vita: era esclusa sempre più da tutte le cose musicali. Fatte le proporzioni, temo si voglia far così anche con me: mi si chiede tutto tranne che cantare, invece di una cantante deve piacere la voce”.

Quindi è felice?
“Sì, e non solo per il lavoro. La felicità sta nelle piccole cose. Ultimamente nei bei sogni: ieri notte mi sono fidanzata con un bel ragazzo, mi sono svegliata serena”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other