Che tempo che fa, Luciano Ligabue annuncia: “Made in Italy diventerà un film”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 dicembre 2016 10:16 | Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2016 10:16
luciano-ligabue

Luciano Ligabue

ROMA – Luciano Ligabue, ospite a “Che tempo che fa” da Fabio Fazio, ha presentato “Made in Italy”, il suo ultimo disco e ha parlato della possibilità di farlo diventare un film. La trama ispirata alle 14 canzoni presenti nell’album, in parte è autobiografica: “Riko”, il protagonista, è l’abbreviazione di Riccardo, che è il secondo nome di Luciano Ligabue. “Quando mi chiedevano perché non fai un altro film? – ammette Ligabue – Io rispondevo perché non ho una storia. E’ stata la mia scusa per 14 anni. Ora sono finite le scuse perché la storia c’è e può darsi che ci faccia il film”.

L’intero concept album è un insieme di storie che danno voce all’uomo comune, quello che Liga avrebbe potuto essere se non fosse riuscito a diventare un musicista.

Volevo dar voce alla singola persona, in un momento in cui veniamo spesso rappresentati per categorie: la mia storia l’ho raccontata fin troppo e allora ho pensato alla storia di Riko (il mio secondo nome è Riccardo), che potrebbe essere un alter ego, un’altra parte di me, quello che sarei potuto diventare se non fossi Ligabue. Ho voluto provare a raccontare la sua storia, quella di un uomo che vive oggi in questo paese, sicuramente più incazzato di me perché non godendo dei miei privilegi ha tutte le ragioni per essere arrabbiato, ma sbaglia nel pensare che tutte le colpe della sua infelicità sono esterne. Ha ragione di essere incazzato con la società ma deve capire che parte della sua infelicità è nel suo modo di vedere le cose. Questo è un po’ il tema del disco.