Hollywood Bowl, annullata la stagione causa coronavirus: in 98 anni non era mai accaduto

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 14 Maggio 2020 7:15 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2020 0:22
hollywood bowl

Coronavirus ferma l’Hollywood Bowl: la sala di concerti di Los Angeles in 98 anni non si era mai fermata. Nella foto: i Beatles sul palco nel 1965 (Ansa)

ROMA – Per la prima volta nella sua storia quasi centenaria (98 anni per la precisione), l’Hollywood Bowl annulla tutta la sua stagione a causa dell’epidemia da coronavirus.

L’Hollywood Bowl è il simbolo dell’estate a Los Angeles.  E’ un noto anfiteatro situato nell’area di Hollywood che si trova su Highland Avenue.

Famoso per la sua architettura ad archi concentrici, è utilizzato principalmente per gli eventi musicali e ha una capienza di 17.376 posti a sedere.

 L’Hollywood Bowl è musica: classica, rock, jazz, funk, reggae, elettronica.

Ed anche blues, country, gospel, pop, punk. Hip-hop, metal, a cappella.

Gli spettacoli non si sono mai fermati per più di due settimane durante le quasi cento estati al Bowl.

Ora però, la Los Angeles Philharmonic Association che gestisce la sede ha annunciato l’impossibilità di tenere una stagione estiva con la crisi del coronavirus non ancora risolta.

La cancellazione si aggiunge alle crescenti perdite di entrate per LA Phil, che ha già un deficit di budget di circa 80 milioni di dollari.

I dipendenti stagionali del Bowl, a causa della crisi, sono stati tutti licenziati: “È un duro colpo per la nostra organizzazione”, ha dichiarato Chad Smith, amministratore delegato di LA Phil in un’intervista.

L’Hollywood Bowl, scrive il Los Angeles Times, renderà silenziosa l’intera estate. E’ difficile infatti immaginare in città una cosa del genere: qui la musica suonava durante le guerre mondiali, durante la guerra di Corea e il Vietnam.

Non si era fermato neanche durante la Grande Depressione e la recessione del 2008. Anche l’11 settembre era passato inosservato, così come le inondazioni, gli incendi, e le rivolte scoppiate a Los Angeles.

Tra le star che non vedremo sul palco ci sono nomi del calibro di Brandi Carlile, Diana Ross, Yuja Wang e Janelle Monáe (fonte: Wikipedia, Los Angeles Times).