Coronavirus, Robbie Williams: “Io, in isolamento in un Airbnb per non contagiare la mia famiglia”

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 Aprile 2020 14:42 | Ultimo aggiornamento: 6 Aprile 2020 14:42
Coronavirus, Robbie Williams: "Io, in isolamento in un Airbnb per non contagiare la mia famiglia"

Coronavirus, Robbie Williams (nella foto Ansa): “Io, in isolamento in un Airbnb per non contagiare la mia famiglia”

LOS ANGELES  –  Robbie Williams ha ammesso di aver trascorso tre settimane in un Airbnb a Los Angeles, lontano dalla moglie Ayda Field, 40 anni, e dai loro tre figli, per paura di trasmettere loro il coronavirus, di cui aveva i sintomi. 

Il cantante britannico, 46 anni, ha rivelato di aver avuto febbre, spossatezza e tosse e di aver deciso di ignorare le direttive del governo americano e di andare da isolarsi in un appartamento Airbnb. 

“Ho iniziato a sentirmi molto male dopo essere tornato a Los Angeles dall’Australia – ha raccontato Williams in una intervista esclusiva al Sun – e ho deciso di isolarmi subito per proteggere la mia famiglia, nonostante viva in una villa e potessi rinchiudermi in una delle tante camere, usando un mio bagno privato e mangiando quello che mia moglie mi avrebbe lasciato su un vassoio dietro la porta. Ma non ho voluto mettere a rischio la salute dei miei cari”.

Così il cantante ha deciso di fare la valigia e lasciare casa e famiglia: “L’ho fatto perché non credo né a quello che dice il governo, che secondo me tace dati importanti per non creare il panico tra la gente, né agli scienziati, che spesso si contraddicono l’un l’altro. Qui negli Stati Uniti la situazione peggiora di giorno in giorno, così, nel dubbio, ho deciso di fare da solo e mettere al primo posto la mia famiglia”.

A far arrabbiare Williams è il fatto di non essersi potuto sottoporre ad un tampone per capire se fosse davvero positivo al coronavirus (e quindi contagioso) oppure no: “Ho dovuto fare tutto da solo, rischiando anche di farmi arrestare per essermi allontanato da casa data la quarantena, ma l’ho dovuto fare perché non sono riuscito ad ottenere un tampone che mi confermasse o meno che avessi il Covid-19. E ora che sono a casa non so se ho davvero avuto e sconfitto il virus. Quindi finché non farò quel tampone ho ancora paura per la mia famiglia”, ha detto al Sun. (Fonte: The Sun)