Dolores O’Riordan, il post di Giuliano Sangiorgi (Negramaro): “Ti ho vissuta come un sogno”

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 gennaio 2018 10:03 | Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2018 10:03
dolores-sangiorgi-cranberries

Dolores O’Riordan, il post di Giuliano Sangiorgi (Negramaro): “Ti ho vissuta come un sogno” (Foto da Facebook)

ROMA – Giuliano Sangiorgi dà il suo addio a Dolores O’Riordan, la cantautrice e frontwoman dei Cranberries morta a Londra il 15 gennaio a soli 46 anni.

In un lungo post pubblicato su Facebook la voce dei Negramaro, unico gruppo italiano ad aver cantato con Dolores, Sangiorgi ricorda quei momenti e rimpiange di non aver intrecciato con la cantante irlandese un rapporto più stretto, meno gravato dall’aura di notorietà che aleggiava intorno a Dolores.

La giovane cantautrice e chitarrista è stata trovata morta nella sua stanza di albergo a Londra, dove si trovava per una breve sessione di registrazione. Al momento non sono note le cause dell’improvviso decesso. Si sa, però, che la cantante aveva avuto problemi di salute, tanto da aver costretto il gruppo ad annullare nel giugno scorso le date d’un nuovo tour europeo che prevedeva fra l’altro tappe a Milano, Piazzola sul Brenta, Firenze, Roma e Cattolica. Allora si era parlato di “terapie” da completare, con l’auspicio di “una completa guarigione” dopo le prime notizie su “indisposizioni” circolate fin dal 2012. Ma evidentemente così non è stato.

Ecco il post che Sangiorgi le ha dedicato.

Ti ho vissuta sempre come un sogno.
Lo sapevo che non avrei dovuto farlo.

Avrei dovuto viverti come un giorno qualunque.
Da sveglio, sveglissimo.

Come una persona qualsiasi, magari conosciuta in un viaggio insieme.

Avrei dovuto essere meno rispettoso delle distanze, come se non fossero mai esistite, invece ti ho trattato come una leggenda, perché questo sei per quelli come noi e per il mondo intero, per la generazione di “zombie” che hai lasciato orfana della voce più rivoluzionaria degli ultimi quarant’anni.

Avrei dovuto ridurle, quelle maledette distanze.

Allora avrei capito che quella nostra canzone insieme stava succedendo davvero.

E invece ho pensato: “non è possibile”, “non è reale”, “non sta succedendo a me, a noi”.
È un sogno.

Come un sogno ti ho sfiorato.
Come un sogno ti ho salvato nel fondo più profondo della memoria.
E come un sogno sei volata via.

Eppure solo oggi ho realizzato davvero che sei passata dalle nostre vite, che mi hai attraversato gli occhi e il cuore in un giorno qualunque, in uno studio di registrazione qualunque, cantandoci addosso tutto il fiato che ci restava.

E in quella canzone, in quel pomeriggio siamo davvero rimasti senza fiato.

Sono entrato in studio che già cantavi.

Non mi hai riconosciuto, e come avresti potuto?! Non mi hai dato retta neanche per un istante, intenta com’eri a cantare la nostra canzone.

Poi qualcuno ti ha detto che ero io il motivo per cui eri lì, piovuta dall’america nel mezzo del nulla.

Hai spalancato gli occhi e mi hai stretto forte a te.

Quella musica di Paolo Buonvino, galeotto fu quel Paolo che ci ha fatto incontrare grazie a super Caterina Caselli Sugar; le mie parole, la mia voce, i negramaro…ti avevano fatto dire di sì…me lo hai raccontato così, vomitando addosso a un povero piccolo nessuno come me quei motivi che ancora oggi stento a credere, tanto sei passata come un sogno.

E io, come ogni volta succede al risveglio, non riuscivo ad emettere un suono.
Mi sono lasciato abbracciare.

Ho trattenuto il respiro, ho pianto in un nanosecondo e sempre in un nanosecondo ho nascosto le mie lacrime ai tuoi occhi accesi e neri come bragia.

Sembravano quel fiume in piena che mi accingevo a cantare.

Non ho mai ripercorso volutamente quei momenti nella mia mente .
Li ho lasciati fluttuare liberi di farlo a loro piacimento.
I sogni non li decidiamo.
Decidono loro di raggiungerci.
Tu ci hai raggiunti.
E oggi, che non ci sei più, resto senza fiato ancora una volta.
Ma queste lacrime non sono più un sogno.
Ti ho intrappolata dentro.
Era tutto vero.
Sei passata nelle nostre vite e lì rimarrai per sempre.

“Non son riva senza te!”

Giuliano e i tuoi negramaro tutti.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other