Eros Ramazzotti lancia il nuovo disco e rivela: “Più bella cosa? Non era dedicata a Michelle”

di redazione Blitz
Pubblicato il 23 novembre 2018 13:19 | Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2018 12:04
eros ramazzotti più bella cosa

Eros Ramazzotti lancia il nuovo disco e rivela: “Più bella cosa? Non era dedicata a Michelle”

MILANO – “Più bella cosa? Non era dedicata a Michelle Hunziker“. A rivelarlo oltre vent’anni dopo è Eros Ramazzotti, in occasione del lancio del suo nuovo disco “Vita ce n’è”, in uscita il 23 novembre. 

Il cantautore, che ha scelto il Castello Sforzesco di Milano come quinta e Pippo Baudo come cerimoniere, per presentare il suo quindicesimo lavoro in studio, è stato intervistato a margine dell’evento da Fiamma Sanò per il quotidiano Il Messaggero. La giornalista gli domanda se non sia di cattivo gusto la scelta di autocitare la hit del 1995 (Più bella cosa). “E perché? – risponde Eros – Quella canzone lì non era dedicata a Michelle, l’ho scritta nel 1995. Sono notizie che partono e non si fermano più. Ma era scritta per un’altra cosa”.

A quel punto la curiosità è tanta: per chi o cosa l’ha scritta? Ma Eros non risponde e fa per andarsene. Alla fine risponde laconico: “Come si fa? Più bella cosa non c’è, no?”. Forse alla vita e al suo motore che è l’amore e anche il tema portante del suo nuovo lavoro.

 

“E’ un momento storico difficile per l’Italia – ha detto Eros presentando il disco –  per il mondo e c’era bisogno di un messaggio positivo, di un messaggio forte. L’amore lo è: quello per la musica e quello in generale. Le canzoni devono arrivare al cuore, devono avere la forza per emozionare e dare una spinta positiva. E’ quello che ho sempre fatto e quello che ho sempre sognato di fare”.

Un disco impregnato di amore, ma anche di speranza, a partire dal titolo. Che diventa slogan e auspicio. Molte le collaborazioni presenti nel disco, tra artisti italiani: c’è la firma del decano Jovanotti, di Cheope e dei più giovani ma già affermati Federica Abbate ed Enrico Nigiotti. E internazionali come Helene Fischer, Luis Fonsi e Alessia Cara.

Vita ce n’è è anche un tour mondiale, che il 17 febbraio debutterà a Monaco di Baviera, sold out, e vedrà Eros protagonista nei cinque continenti (venduti in Europa già 200 mila biglietti). In Italia arriverà nei palasport dal 2 marzo con la prima data a Torino, poi dal 6 al 9 marzo quattro date a Milano e dal 12 al 16 altre quattro date a Roma. E chissà che nel mezzo non ci sia spazio anche per un ritorno a Sanremo, magari come superospite in duetto con Jovanotti? “Semmai con Luis Fonzi e Per le strade una canzone”.