Federico Franchi morto: addio a Zenith dj, lavorò con David Guetta e Pitbull

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 marzo 2018 0:22 | Ultimo aggiornamento: 24 marzo 2018 0:22
Federico Franchi, morto Zenith dj

Federico Franchi morto: addio a Zenith dj, lavorò con David Guetta e Pitbull

ROMA – Federico Franchi, in arte Zenith Dj, è morto a soli 43 anni.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Franchi è stato uno dei più grandi artisti e interpreti italiani della musica elettronica. Musicista, produttore e Dj di fama mondiale, era molto conosciuto in Belgio, Olanda e Germania e vantava collaborazioni con Pitbull e David Guetta. Carlo Mondonico per Dagospia scrive che Zenith dj è morto il 18 marzo:

 

“Franchi ha iniziato la carriera giovanissimo, da autodidatta, poi si laurea in conservatorio presso la Berklee, con 2 master in “Armonia” e “Pro Tools”, e diventa uno dei più grandi esponenti di musica elettronica e pioniere del genere Hard trance e Hardstyle.

Uno dei suoi più grandi successi è il brano “Cream”, firmato con il suo nome Federico Franchi, che ha venduto milioni di copie ed è stato ripreso e mixato dal rapper Pitbull con il singolo “Krazy”, entrato nella colonna sonora del film Fast and Furious 4, raggiungendo la Top 30 della Billboard Hot 100 (la principale classifica musicale americana).

In 20 anni di carriera i suoi brani hanno suonato nei migliori Club di tutto il mondo e anche se stimato da colleghi ed esperti di musica elettronica, in Italia non ha mai riscontrato lo stesso successo che ha avuto all’estero, dove veniva accolto come le grandi star, accompagnato da autisti e scortato da guardie del corpo che lo “proteggevano” dai numerosi fan”.

E ancora racconta della sua casa-studio di Monza, dove da tutto il mondo arrivavano musicisti e producer:

“Negli ulitimi anni aveva creato un mega studio di produzione nella sua città, Monza, dove musicisti e producer arrivavano da ogni parte del mondo per poter lavorare al suo fianco e con la sua consulenza. Perché lui era uno dei migliori al mondo anche se in Italia lo sapevano in pochi”.