Fedez come Elodie: “Senatore Simone Pillon (Lega), non blocchi la legge Zan contro l’omotransfobia”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 1 Aprile 2021 8:25 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2021 8:26
Fedez come Elodie: "Senatore Simone Pillon (Lega), non blocchi la legge Zan l'omotransfobia"

Fedez come Elodie: “Senatore Simone Pillon (Lega), non blocchi la legge Zan contro l’omotransfobia” (foto Ansa)

Fedez come Elodie: “Senatore Simone Pillon (Lega), non blocchi la legge Zan contro l’omotransfobia“. Dopo Elodie, anche il rapper scende in campo contro il senatore della Lega che sta tentando di bloccare la legge contro l’omofobia.

Aggiornamento con video ore 8.25

Fedez ha scelto il suo seguitissimo profilo Instagram per lanciare un appello accorato al senatore della Lega Simone Pillon. Riportiamo di seguito, le sue dichiarazioni. 

Fedez alla Lega: “Senatore Pillon non blocchi la legge Zan contro l’omofobia, ognuno è libero di esprimersi come meglio crede”

“Le dico una cosa da padre, signor Pillon. Io ho un figlio di tre anni – dice Fedez su Instagram – che gioca con le bambole. Questa cosa non desta alcun tipo di turbamento in me, e non desterebbe alcun tipo di turbamento in me nemmeno su un giorno dovesse avvertire l’esigenza di truccarsi, di mettersi il rossetto, di mettersi lo smalto o una gonna, perché mio figlio ha il diritto di esprimersi come meglio crede. 

Al contrario, la cosa che mi destabilizzerebbe un po’ è sapere che vive in uno Stato che non tutela il suo sacrosanto diritto di esprimersi in piena libertà, cercando di arginare le dinamiche discriminatorie e violente che molto spesso si verificano in questo Paese. Questo per me è una priorità“.

Elodie attacca la Lega: “Volete bloccare la legge contro l’omofobia, siete indegni”

Elodie contro la Lega per il tentativo di bloccare la legge Zan contro l’omofobia: “Siete indegni, non dovreste stare in Parlamento“. La cantante continua la sua battaglia al fianco degli omosessuali. 

Giorni fa, la stessa cantante, aveva attaccato duramente il Vaticano per la sua decisione di non benedire gli omosessuali: 

“Per fortuna la gente continuerà ad amarsi pur non avendo la ‘benedizione’ del Vaticano“.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev.